Prosa d’Arte

Bologna in Lettere – Premio Letterario “Dislivelli” (IV Edizione) – Esiti

BOLOGNA IN LETTERE

PREMIO LETTERARIO “DISLIVELLI”

IV edizione

ESITI

 

 

 

Esiti SEZIONE A – Opera di poesia edita

 

Presidente della giuria

Enzo Campi

Giurati

Enea Roversi, Daniele Barbieri, Sonia Caporossi, Giusi Montali, Enzo Campi

 

 

La giuria, oltre ai premi previsti dal bando, vista l’alta qualità delle opere pervenute ha deciso, in maniera unanime, di conferire una menzione di merito ad una serie di opere che si sono distinte in tal senso

 

 

MENZIONI DI MERITO

Dino Azzalin, Il pensiero della semina (Crocetti)

Anna Maria Curci, Nuove nomenclature e altre poesie (L’arcolaio)

Novella Torre, Un secolo di febbre (Transeuropa)

Andrea Lanfranchi, Cantiere in luce (CFR)

Saragei Antonini, La passione secondo (Edizioni Forme Libere)

Sergio Pasquandrea, Approssimazioni e convergenze (Pietre Vive)

 

PREMI SPECIALi DEL PRESIDENTE DI GIURIA

Antonio Cretella, Aleph (Serpent Kiss Digital)

Domenica MauriPensile (Nino Aragno editore)

 

SEGNALAZIONI

Davide Castiglione, Non di fortuna (italic)

Simone Burratti, Progetto per S. (Nuova Editrice Magenta)

Roberto Ariagno, Disarmare il nome (italic)

Giulio Maffii, Angina d’amour (Arcipelago Itaca)

Francesco Terzago, Caratteri (autoproduzione)

Sergio Rotino, Cantu maru (Kurumuny)

Daniela Pericone, Distratte le mani (Coup d’idée)

Maria Pia Quintavalla, I compianti (Effigie)

 

FINALISTI

Gabriel Del Sarto, Il grande innocente (Nino Aragno editore)

Ida Travi, Dora Pal (Moretti & Vitali)

Alessandra Carnaroli, Ex-voto (Oèdipus)

Lella De Marchi, Paesaggio con ossa (Arcipelago Itaca)

Paola Silvia Dolci, I processi di ingrandimento delle immagini (Oèdipus)

Fabio Orecchini, Per Os (Sigismundus)

 

 

PRIMO CLASSIFICATO

Alessandra Carnaroli, Ex-voto (Oèdipus)

SECONDO CLASSIFICATO

Ida Travi, Dora Pal (Moretti & Vitali)

TERZO CLASSIFICATO

Fabio Orecchini, Per Os (Sigismundus)

 

Come previsto dal bando al primo classificato verrà attribuito un premio in denaro. Le prime tre opere classificate verranno presentate criticamente durante la cerimonia di premiazione. Gli autori finalisti saranno invitati a partecipare alla cerimonia di premiazione e riceveranno un attestato. Inoltre, gli autori ai quali sono stati assegnati i Premi Speciali del Presidente di giuria e gli autori che hanno ricevuto le segnalazioni saranno invitati a partecipare alla serata inaugurale della prossima stagione di eventi (Set./Ott. 2018)

 

**

 

 

Esiti SEZIONE B – Opera di poesia inedita

 

Presidente della giuria

Enzo Campi

Giurati

Daniele Poletti, Luca Rizzatello, Fabio Michieli, Marco Saya, Luca Cenacchi

 

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE DI GIURIA

Massimo Rizza, Periferie di senso

 

SEGNALAZIONI

Gabriele Stera, Lampare

Dimitri Ruggeri, Bambini e zanzare

Luca Bresciani, Canzone del padre

Mara Venuto, Misteri minimi

Francesco Salvini, Sulla segreteria

Alessio Alessandrini, I congiurati del bosco

 

FINALISTI

Morena Coppola, Psychopompï

Joan Barcelò, Acròbates imperfectes

Marco Aldrighi, Gente d’ottobre

Mario Famularo, Il dono del silenzio

Guido De Simone, Come i fuochi di settembre

Alfredo Rienzi, Presagi. Partenze e promesse

 

PRIMO CLASSIFICATO

Guido De Simone, Come i fuochi di settembre

 

Come previsto dal bando il primo classificato vincerà la pubblicazione gratuita dell’opera, a cura di Marco Saya Edizioni. Con alcuni estratti dalle opere dei finalisti verrà assemblato un e-book corredato di note critiche, che sarà scaricabile gratuitamente sul sito del festival. Gli autori finalisti saranno invitati e presentati criticamente alla cerimonia di premiazione e riceveranno un attestato. Inoltre, l’autore al quale è stato assegnato il Premio Speciale del Presidente di giuria e gli autori che hanno ricevuto le segnalazioni saranno invitati a partecipare alla serata inaugurale della prossima stagione di eventi (Set./Ott. 2018)

 

 

**

 

 

Esiti SEZIONE C – Poesie singole inedite

 

Presidente della giuria

Enzo Campi

Giurati

Francesca Del Moro, Loredana Magazzeni

Antonella Pierangeli, Maria Luisa Vezzali, Giacomo Cerrai

 

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE DI GIURIA

Giovanna Cristina Vivinetto, La famiglia transessuale

 

SEGNALAZIONI

Luigi Ianzano, Pàmbene (Fiocchi)

Roberta Ioli, Dura un attimo il battito

Andrea Patrizi, Domenica sera

Valentina Proietti Muzi, Sonetto a due voci

Emanuele Baiolini, Il terreno –lo so bene- è sdrucciolevole

Simona Nobili, poesia#5

Viviana Fiorentino, Lontananze

 

FINALISTI

Elena Cattaneo, Mi culla mia madre

Fabrizio Bregoli, Alba pratalia

Mara Mattoscio, L’inascoltato, la rotaia è ciò che resta

Andrea Donaera, Il padre. Un’ustione

Elena Micheletti, Alzheimer

Alessandro Silva, Il cuore di mio figlio

 

PRIMO CLASSIFICATO

Andrea Donaera, Il padre. Un’ustione

 

Come previsto dal bando al primo classificato verrà attribuito un premio in denaro. Gli autori finalisti saranno invitati e presentati nel corso della cerimonia di premiazione. Inoltre, l’autrice alla quale è stato assegnato il Premio Speciale del Presidente di giuria e gli autori che hanno ricevuto le segnalazioni saranno invitati a partecipare alla serata inaugurale della prossima stagione di eventi (Set./Ott. 2018)

 

logo dislivelli banner

 

LA SERATA DI PREMIAZIONE AVRA’ LUOGO VENERDI’ 11 MAGGIO 2018, ore 18.00

PRESSO MILLENIUM GALLERY, Via Riva di Reno 77/A, BOLOGNA

Bologna in Lettere 2017 – Materiali – Nanni Balestrini / Cecilia Bello

 

 

 

 

 

 

 

 

slide pag 1

Bologna in Lettere 2017 – Cetta Petrollo

Bologna in Lettere 2017

Interferenze – Atto VI

Sabato 1 Aprile ore 18

Libreria Ubik Irnerio – Via Irnerio 27 – Bologna

A cura di Loredana Magazzeni.

“All’epoca che le fanciulle” di Cetta Petrollo
Presentazioni di Loredana Magazzeni, Maria Luisa Vezzali, in dialogo con l’autrice.
Letture a cura di Margaret Collina.

loc - 1 aprile ubik

“[…] Le Fanciulle si offrono allo sguardo del lettore in ogni loro declinazione, smarrimento, congiunzione, ritrovamento. Ma, attenzione!, solo una per volta, che ognuna ha la sua parte da giocare. A sostenerle nel loro errare e ristare è il vento della scrittura: una scrittura trascinante, un flusso a lingua sciolta, che si cita e ripete senza pentimenti, che non stacca, intere pagine senza virgole, senza punto. Poi ci sono momenti in cui le frasi diventano brevi e asseverative, e gli a capo continui. Una lingua comunque sempre molto fisica, concreta, persino tattile: piena di odori, rumori, sapori. Umida di desiderio, seccata dal dolore, che in ogni momento si fa corpo: “[…] si era andata tutta costruendo con le parole come fosse andata da un’estetista si era fatta bella di parole che le parole avevano formato il suo corpo che lei il suo corpo non lo voleva narrare lo voleva solo scrivere lentamente […]” (p. 103). La carne, la pancia, il pube, il seno, le mani: nessuna angelicatura, le Fanciulle vanno sul concreto: “valige e abitudini colazioni di caffè e litigate tepori mattutini e voci assonnate pastasciutte scolate e vapori di brodo mani in librerie mai frequentate deodoranti creme saponette tavolette alzate serrande rotte ascensori fermi perfino condomini diversi”(p. 45). […] Quella che a Walter Pedullà, nella prefazione a Senza Permesso (2007), appariva una prosa che “sembra registrare una realtà fatta di pensieri in incubazione” risplende nelle Fanciulle come un marchio, come il possibile exemplum di una lingua tutta femminile. Anima che passa attraverso il corpo (“Il solo corpo non basta. Ma quando mai basta.”, p. 56,) e attraverso il corpo diventa parola e lingua. Lingua d’amore che senza requie invoca a suo necessario complemento il maschile. […]” (dalla recensione di Franca Rovigatti su alfabeta2)

foto ignani 7178222302_b1674033b5_b

Foto di Dino Ignani

 

 

“Le fanciulle di Cetta Petrollo ci appaiono una dopo l’altra come in una processione rituale di antiche civiltà, in cui ciascuna reca a noi i suoi doni di poco conto, foglie o fiori o sassi, e ciascuna li depone ai piedi di un mago. Un giorno quel mago squarciò il buio e mostrò le stelle e il firmamento a chi, con occhi limpidi, vedeva, con entusiasmo di fanciulla, il viaggio e la rotta che quelle mani leggere e fatate aprivano. (…) Sono le parole e il loro fiato a mostrare le cose e a raccontare il corpo, scrive ora Cetta, e intanto davanti ai nostri occhi di lettori prende avvio la lenta metamorfosi con la trasformazione del corpo (il corpo dei sessant’anni, così difficili per ogni donna, anche se “donna vuol dire pienezza di sé”), e dell’anima”. (dalla prefazione di Loredana Magazzeni)

slide pag 1