Pablo López Carballo

Bologna in Lettere 2017 – Pablo López Carballo

Sabato 20 Maggio

CostArena, Via Azzo Gardino 48

Pablo López-Carballo (Spagna, 1983) è dottore di ricerca in Letteratura spagnola e ispanoamericana presso l’Università di Salamanca. Ha pubblicato i libri di poesia Sobre unas ruinas encontradas (La Garúa, 2010), Quien manda uno (Transatlántica, 2012) e La dictadura de la perspectiva (Trea, 2017) e le prose raccolte in Crea mundos y te sacarán los ojos (El Gaviero, 2012). Insieme a Rosa Benéitez Andrés, ha tradotto in spagnolo Come si diventa materialisti storici di Edoardo Sanguineti; inoltre, ha recentemente curato l’edizione di El cristal que se desdobla (Amargord, 2016) dello scrittore cubano Lorenzo García Vega. È già stato tradotto in Italia da Valerio Nardoni (Le Parole e Le Cose, 2012) e da Lorenzo Mari (L’Ulisse 2013, Nuovi Argomenti 2014), che ha anche curato l´edizione in e-book della plaquette Imbastire l´acqua (Poesia 2.0., 2013) e la selezione antologica La precisione dell’indifferenza (Carteggi Letterari, 2016).

Pablo Lopez Carballo

TIRARE DAL FILO

 

 

Tirare dal filo es un largo poema en el que se dan cita Ingeborg Bachmann, Vladimir Maiakovski, Ezra Pound, Federico García Lorca y Luis Cernuda, ejerciendo de interferencias sobre lo contemporáneo. Se construye un paisaje textual precario, siempre a punto de romperse, que muestra el carácter humano y la necesidad de estrechar lazos de unión y pensar en conjunto.

 

 

 

TIRAR DEL HILO

Cada mañana, bajo la techumbre que impide

al sol penetrar en la tierra, bajamos a por agua.

Levantamos casas, siendo cuidadosos

para que no cayeran metáforas en los cimientos.

Dejamos madera sin barnizar

e hicimos de la lumbre el espacio de la conciencia.

 

Señalamos los caminos:

los de ida estaban claros,

los de vuelta no.

Regresar del desprecio era estar a salvo

pero aprendimos a odiar cada vez a más distancia,

más allá de donde podíamos pisar.

 

«¿No es maravilloso cómo lo hemos rehabilitado? No hay espacio para el dolor, detrás de toda esa pintura se oculta el daño, ¿para qué seguir insistiendo?»

Crujió la aguja de los meses del reloj de Jean Paul.

A medio sol interceptamos mensajes

de hace cinco siglos, hombres

que preguntan por la guillotina

y respiran aliviados

sabiendo que sus hijos

morirán de otra manera.

 

Lo necesario y lo imposible

se fueron distanciando desde su matriz.

Malinterpretamos teorías

y cavamos bien adentro, hasta rompernos

las costillas y sacarnos los órganos. Los colocamos

en bandejas y nos quedamos solo con éstas,

sin órganos.

 

Algunas cosas nunca cambiaron,

seguimos matándonos, muy pocos contuvieron las ganas

aunque, siempre, a la misma hora, en otro lugar

alguien finalizaba la acción. Muchos han muerto

a manos de lenguas que no conocían. Hay declives

que dejan millones de cadáveres escondidos.

 

Los carpinteros anunciaron con estacas

la gran tela blanca que cubriría todo,

«aquí puede pintar lo que quiera»,

¿qué blancura añadiréis a esta blancura?

El cielo gana en metales a los pájaros

que matan el tiempo leyendo tratados de vuelo. Así

el viento dejó de ser ruta de emancipación

para envasarse en almohadones.

 

Cada idea, cada piedra que los pies vivos rozaron,

cada palabra en boca de las estatuas lleva a la siguiente.

Guardamos todo, cuando no teníamos nada, en las cosas

para que cada una fuera algo más. Así lo imaginario

y lo que vimos eran lo mismo y hablaban, también,

de otra cosa.

Los cuerpos calcinados en Pompei lo llevan dentro,

está en las cuentas de Giovanna degli Albizzi

y en los ojos de Friedrich se preservan las palabras

que cambiaron demasiado rápido su significado.

Queríamos recordar todo.

 

Casi logramos controlar y dominar agua y fuego,

destruimos naturaleza por ignota

y lo creado se dio por contenido. Se aplicó

la doctrina del atlas, el pasaporte

para ir del mundo de los vivos

al mundo de los vivos. En rocas

que dan al mar dejamos nuestras mantas

para que se las llevaran las olas y nos quedamos

mirando su ondulación como si fuera un mito. Terminamos

por entregar el cuerpo a cambio de imágenes,

monedas y plástico, nada que dé calor.

Las reglas comenzaron a cambiar y nadie sabía

qué hacer entre el antes y el ahora, el antes y el ahora…

y las cosas se perdieron en agujeros.

 

«Usted tiene derechos, tantos que no le dará tiempo en su vida a ejercerlos todos, por eso hemos decidido dejar algunos apartados para más adelante, no sea egoísta»

Es pobre el taller del lenguaje del mundo, nada sacarás

de estas cáscaras pese a la insistencia

o la reconciliación. Para llegar allí

debes cruzar el océano y, en algún momento,

descalzarte. ¿Así? Le dijo la costurera

clavando la vista en el ojal. Y estaba en lo cierto,

aunque su casa se vino abajo y se quedó sin ovillos.

 

Dimos vueltas, de un lado a otro,

huimos hacia el norte. Después,

a destiempo, hacia el pasado

pero no supimos cómo regresar. Quien sabía

del rastro se quedó sin corazón

y sin corazón se aguanta apenas unos segundos. En su caída

acertó a señalar el lado por el que volver

pero había una encrucijada

y en cada camino al menos otras tres

y así sucesivamente.

 

Una gran pasarela se abrió paso

hacia dentro, ¿dentro de qué?

el interior, lo que llevan dentro las cosas.

Hemos heredado la guerra, ya no se declara

ante los irreconocibles. Por eso encendimos

todas las antenas, cerramos

las puertas del idioma, perdimos

palabras en el interior del lenguaje y lo confirmamos:

las expectativas son residuos, en el mejor de lo casos

llegan a parecerse a nosotros mismos,

con demasiado respeto por lo que nos importa.

De truncarse, ganamos una veta

que se abre como el tronco de un árbol,

demasiado rápido

para cortar tanta espera.

 

Los significados se solapan

y anulan, siguen estando pero intentar

abarcarlos todos es igual a la carencia

de interés que suscita la acción.

Fuimos reduciendo la historia, despreciando

pensar como especie, excluyendo poco a poco

hasta que la historia fue apenas un átomo,

donde el mal es una abstracción sin ejemplos

y la resistencia algo inservible

para llegar al espacio. Encallados

en los bancos de arena, nos vamos sin una explicación

para el dolor.

 

De habernos perdido para buscar

la quemadura que mantiene despiertas las cosas.

Si los hubiésemos enterrado en la montaña.

Si sus huesos fuesen alimento para gusanos.

Ahora es tarde para hacer que todo explote.

Quizá tarde para lamentarse, para decidir.

Tarde para muchas cosas pero no tantas

como para renunciar a saber

para qué

es tarde.

 

Hay declives que confirman

la existencia. Hemos estado aquí,

esto es una señal, una muesca de presencia.

Ahora empezamos a desaparecer.

 

Tiramos del mar desde la orilla,

dándole la vuelta con la niebla dentro.

Más tarde confundimos la niebla con el cielo

y repetimos movimientos. El último

hombre se encogerá, tirará inútilmente del hilo

y, confiado, esperará que alguien responda

a sus peticiones.

 

 

La dictadura de la perspectiva (Trea, 2017)

 

copertina-carballo

 

 

TIRARE DAL FILO

 

 

Tutte le mattine, sotto la tettoia che impedisce

al sole di penetrare nella terra, scendemmo in cerca d’acqua.

Innalzammo case, con attenzione

affinché non cadessero metafore nelle fondamenta.

Lasciammo il legno senza vernice

e facemmo della fiamma lo spazio della coscienza.

 

Indicammo i percorsi:

quelli di andata erano chiari,

quelli di ritorno no.

Tornare dal disprezzo era essere in salvo

ma imparammo a odiare sempre a maggior distanza,

più in là di dove potevamo mettere il piede.

 

«Non è meraviglioso come l’abbiamo rimesso in sesto? Non

c’è spazio per il dolore, dietro tutta questa pittura si cela il

danno, perché continuare a insistere?»

Scricchiolò la lancetta dei mesi dell’orologio di Jean Paul.

A metà sole intercettammo messaggi

di cinque secoli fa, uomini

che chiedono della ghigliottina

e respirano sollevati

sapendo che i loro figli

moriranno in un altro modo.

 

Il necessario e l’impossibile

andarono distanziandosi dalla loro matrice.

Mal interpretammo teorie

e scavammo ben dentro, fino a romperci

le costole e levarci gli organi. Li collocammo

sui vassoi e solo con quelli restammo,

senza organi.

 

Alcune cose non cambiarono mai,

continuammo a ucciderci, pochissimi frenarono la voglia

benchè, sempre, alla stessa ora, in un altro luogo,

qualcuno portasse a termine l’azione. Molti sono morti

per mano di lingue che non conoscevano. Ci sono declivi

che lasciano milioni di cadaveri nascosti.

 

I falegnami annunciarono con paletti

la grande tela bianca che avrebbe coperto tutto,

«qui può dipingere quello che vuole»,

quale bianchezza aggiungerete a questa bianchezza?

Nei metalli il cielo batte gli uccelli

che ammazzano il tempo leggendo trattati sul volo. Così

il vento smise di essere strada di emancipazione

per travasarsi nei cuscini.

 

Ogni idea, ogni pietra che i piedi vivi sfiorarono,

ogni parola in bocca alle statue porta alla seguente.

Tenemmo tutto, quando non avevamo nulla, nelle cose

affinchè ciascuna fosse qualcosa di più. Così l’immaginario

e quello che vedemmo erano la stessa cosa e parlavano, anche,

di qualcos’altro.

I corpi calcificati di Pompei lo recano all’interno,

è nelle poste di Giovanna degli Albizzi

e negli occhi di Friedrich si preservano le parole

che cambiarono troppo rapidamente il loro significato.

Volevamo ricordare tutto.

 

Riuscimmo quasi a controllare e dominare acqua e fuoco,

distruggemmo la natura in quanto ignota

e il creato si considerò come contenuto. Si applicò

la dottrina dell’atlante, il passaporto

per andare dal mondo dei vivi

al mondo dei vivi. Sugli scogli

che danno sul mare lasciammo i nostri teli

perché se li portassero via le onde e restammo

a guardare la loro ondulazione come se fosse un mito. Finimmo

per consegnare il corpo in cambio di immagini,

monete e plastica, niente a dare calore.

Le regole iniziarono a cambiare e nessuno sapeva

cosa fare tra il prima e l’adesso, il prima e l’adesso…

e le cose si persero nei buchi.

 

«Lei ha dei diritti, così tanti che non avrà tempo nella sua vita

per esercitarli tutti, perciò abbiamo deciso di lasciarne alcuni

di conserva per dopo, non sia egoista»

È povera la bottega del linguaggio del mondo, non caccerai nulla

da queste bucce nonostante l’insistenza

o la riconciliazione. Per arrivarci

devi attraversare l’oceano e, a un certo punto,

restare scalzo. Così? Gli disse la sarta

inchiodando la vista all’occhiello. E andava sul sicuro,

anche se la sua casa crollò e lei rimase senza gomitoli.

 

Girammo intorno, da un lato all’altro,

fuggimmo verso il nord. Poi,

fuori tempo, verso il passato

ma senza sapere come tornare. Chi conosceva

la traccia si ritrovò senza cuore

e senza cuore si tiene duro appena qualche secondo. Nella sua caduta

riuscì a segnalare il lato per il quale tornare

ma c’era un incrocio

e in ogni strada almeno altre tre

e così di seguito.

 

Una grande passerella si aprì un varco

verso dentro, dentro cosa?

l’interno, quello che si portano dentro le cose.

Abbiamo ereditato la guerra, non si dichiara più

di fronte agli irriconoscibili. Per questo incendiammo

tutte le antenne, chiudemmo

le porte dell’idioma, perdemmo

parole all’interno del linguaggio e lo ribadimmo:

le aspettative sono residui, nel migliore dei casi

arrivano a somigliare a noi stessi,

con troppo rispetto per quello che ci importa.

Se si spezzano, guadagniamo una smagliatura

che si apre come il tronco di un albero,

troppo rapidamente

per fendere questa attesa.

I significati si accavallano

e si annullano, continuano a esserci ma provare

ad abbracciarli tutti è uguale alla carenza

d’interesse che suscita l’azione.

 

Andammo riducendo la storia, tenendo in spregio

il pensare come specie, escludendo poco a poco

finchè la storia fu poco più che un atomo,

dove il male è un’astrazione senza esempi

e la resistenza qualcosa di inservibile

per arrivare allo spazio. Incagliati

nei banchi di sabbia, ce ne andiamo senza spiegazione

per il dolore.

 

Se ci fossimo persi per cercare

l’ustione che mantiene vigili le cose.

Se li avessimo sepolti nella montagna.

Se le loro ossa fossero cibo per vermi.

Adesso è tardi per far sì che tutto esploda.

Tardi forse per lamentarsi, per decidere.

Tardi per molte cose ma non così tante

da rinunciare a sapere

a che scopo

sia tardi.

 

Ci sono declivi che confermano

l’esistenza. Siamo stati qui,

questo è un segnale, una tacca di presenza.

Ora iniziamo a sparire.

 

Tirammo il mare dalla sponda,

avvoltolandolo con la nebbia dentro.

Più tardi confondemmo la nebbia con il cielo

e ripetemmo i movimenti. L’ultimo

uomo si rannicchierà, tirerà inutilmente dal filo

e, fiducioso, aspetterà che qualcuno risponda

alle sue petizioni.

 

[Traduzione Lorenzo Mari.

La precisione dell’indifferenza (Carteggi Letterari, 2016).]

 

slide pag 1

 

 

Bologna in Lettere 2017 – Interferenze – Programma completo

Bologna in Lettere

Festival Multidisciplinare di Letteratura Contemporanea

V° Edizione

Maggio 2017

INTERFERENZE

 

a1 BIL 2017 programma - esterno

a2 BIL 2017 programma - interno

a3 BIL 2017 programma - interno

VENERDI’ 5 MAGGIO ore 19.30

EPS FACTORY Via Castiglione 26

EX CORPORE /ARTEFATTI CONTEMPORANEI

Francesca Lolli

The dying lilium

Mist (Eleonora Manca + Alessandro Amaducci)

LED/3 times

NINE POEMS IN BASILICATA

John Giorno

The death of William Burroughs

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

FARE IL PUNTO/BATTERE IL TEMPO

Nanni Balestrini 

Presentazione di Cecilia Bello, Niva Lorenzini, letture dell’autore 

PASSIONE POESIA Atto 1 (a cura di Luigi Cannillo)

Giuliano Mesa / Valentino Zeichen / Marco Palladini

 

logo-x-pag

SABATO 6 MAGGIO ore 19.00

EPS FACTORY Via Castiglione 26

EX CORPORE /ARTEFATTI CONTEMPORANEI

Francesca Lolli Cleaning my Identity

Mist (Eleonora Manca + Alessandro Amaducci) OR 

NINE POEMS IN BASILICATA

John Giorno Everyone gets lighter

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

PASSIONE POESIA Atto 2 (a cura di Luigi Cannillo)

Nanni Cagnone / Lucetta Frisa / Marco Ercolani

BATTERE IL TEMPO

Enzo Minarelli Il Polipoeta  

(presentazione e cura di Daniela Rossi)

Fabio Orecchini Per Os

(installazione/performance) con Kate Louise Samuels

logo-x-pag

VENERDI’ 12 MAGGIO ore 18.00

A SPASSO NEL BIO Via Don Minzoni 4/2ab

Premiazioni Concorsi Letterari

Presentazione opere finaliste e Reading degli autori

Relatori: Sonia Caporossi, Daniele Barbieri, Giusi Montali

Loredana Magazzeni, Enzo Campi, Francesca Del Moro

Enea Roversi, Maria Luisa Vezzali, Marco Saya

Con Gilda Policastro, Nadia Agustoni

Valentina Maini, Massimo Rizza, Laura Bonaguro

Lucia Guidorizzi, Guido Turco, Lella De Marchi

Marina Massenz, Maria Angela Rossi

Roberto Ranieri, Morena Coppola, Mara Mattoscio 

Sono stati invitati inoltre i finalisti del Concorso Letterario riservato alle Scuole: Viola D’Alonzo, Ilaria Masotti, la classe 5° del Liceo Ginnasio Cornelio Tacito di Roma (Francesca Casella, Luca CastaldiGiulia CenciarelliEmilia Corina, Francesca Bonelli, Adriano Diterlizzi, Alessandro Froio, Cristina GioiaFederico Pintus, Filippo Giuliani, Alessandro Li Puma, Flavio Zucca, Lorenzo Rossetti, Alessandro SbarraSara Virgili – Insegnante: Anna Brunacci)

 

logo-x-pag

SABATO 13 MAGGIO ore 13.00

AL RITROVO Via Centotrecento 1

 

IMPRINTING

Pranzo letterario con autori alla carta

Helene Paraskeva

Patrizia Sardisco

Maria Luigia Di Stefano

Riccardo Frolloni

Ivonne Mussoni

Annamaria Giannini

Nadia Cavalera

Cecilia Samoré

Matteo Zattoni

Stefano Della Tommasina

Alessandro Silva

Sonia Caporossi

logo-x-pag

SABATO 13 MAGGIO ore 16.30/22.00

CASSERO Via Don Minzoni 18

 

 

NINE POEMS IN BASILICATA

John Giorno

Demons in the details

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

PASSIONE POESIA Atto 3 (a cura di Fabrizio Bianchi)

Roberto Roversi / Assunta Finiguerra / Vincenzo Frungillo

Vincenzo Bagnoli / Viola Amarelli / Francesca Del Moro 

DISLIVELLI

Sonia Caporossi vs Silvia Molesini

Roberto Batisti vs Francesco Maria Tipaldi

BATTERE IL TEMPO

Letture, recital, performance, proiezioni con

Laura Accerboni, Caterina Davinio

Alberto Toni, Alessandro Burbank

Viola Amarelli, Nicolas Cunial

Giorgio Bonacini, Pier Francesco De Iulio

Guido Cupani, Elisabetta Destasio

Laura Di Corcia, Vincenzo Frungillo

Maria Grazia Insinga, Barbara Pinchi

Giovanna Iorio, Gabriele Xella

logo-x-pag

VENERDI’ 19 MAGGIO ore 20.00

CINETECA DI BOLOGNA Piazza Pier Paolo Pasolini 2/B

 

 

Omaggio alla Beat Generation

Intervento di Franco Minganti

Professore di Lingue e Letterature Anglo-americane

dell’Università di Bologna

Proiezioni e incontri con gli autori:

Francesco Tabarelli

I figli dello stupore. La beat generation italiana (Sirio Film)

John Giorno  

Nothing succedes like excess, The death of William Burroughs

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

Chiara Brambilla

Wait till I’m dead

(documentario su Allen Ginsberg, Produzione Il Saggiatore)

 

 logo-x-pag

 

SABATO 20 MAGGIO ore 13.00/22.00

COSTARENA Via Azzo Gardino 48

 

 

 

NINE POEMS IN BASILICATA

John Giorno

No good deed goes unpunished

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

EX CORPORE /ARTEFATTI CONTEMPORANEI

Mona Lisa Tina

L’albero delle bugie

PASSIONE POESIA Atto 4 (a cura di Nino Iacovella)

Dario Bellezza/ Ignazio Gori / Lidia Riviello

DISLIVELLI

Plinio Perilli vs Chiara Cantagalli  

FARE IL PUNTO / BATTERE IL TEMPO

Spunti, riflessioni, interventi, letture, recital, performance, proiezioni

con

Tania Haberland, Myra Jara,

Pablo López Carballo, Stephen Watts

Maria Grazia Calandrone, Lidia Riviello

Carlo Bordini, Plinio Perilli

Nina Maroccolo, Dome Bulfaro

Marthia Carrozzo, Mariangela Guatteri

Renata Morresi, Luca Rizzatello, Julian Zhara

Lorenzo Mari, Sonia Caporossi, Giusi Montali

Roberto Batisti, Stefano Guglielmin

Antonella Pierangeli, Daniele Barbieri

Vincenzo Bagnoli, Alessandro Mantovani

a4 BIL 2017 programma - esterno

 

 

Bologna in Lettere

Festival Multidisciplinare di Letteratura Contemporanea

V° Edizione – 2017

Interferenze

 

 

Direttore artistico

Enzo Campi

 

 

Staff

Alessandro Brusa, Martina Campi, Enea Roversi

Mario Sboarina, Francesca Del Moro, Sonia Lambertini

Serenella Gatti Linares, Angela Grasso

 

 

Collaboratori

Maria Luisa Vezzali, Loredana Magazzeni

Marco Saya, Vincenzo Bagnoli, Daniele Barbieri 

Sonia Caporossi, Giusi Montali, Antonella Pierangeli

Daniele Poletti, Luca Rizzatello, Daniela Rossi

 

 

Un particolare ringraziamento a

Dome Bulfaro, Luigi Bosco e Lello Voce

logo-x-pag

Con il Patrocinio del Comune di Bologna

 

ComunediBologna_Emblema_BN

 

E con il Patrocinio

per le iniziative legate alle Scuole Superiori

dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna

 

LOGO_USR_ER 

 

 

In collaborazione con

 

Marco Saya Edizioni

Cineteca Bologna

CostArena

EPS Factory

Cassero LGBT Center

Al Ritrovo

A spasso nel bio

logo-nuovo1  logo cineteca  logo-costarena

cassero_logo_2013_O_color  RITROVO  logo a spasso nel bio

slide pag 1

Bologna in Lettere 2017 – Interferenze – Il programma di sabato 20 maggio

SABATO 20 MAGGIO ore 13.00/22.00

COSTARENA Via Azzo Gardino 48

logo-costarena

 

 

logo-x-pag

 

 

NINE POEMS IN BASILICATA

John Giorno No good deed goes unpunished

Regia Antonello Faretta (Noeltan Film)

John a Montescaglioso3_by Salvatore Laurenzana

Foto di Salvatore Laurenzana

EX CORPORE /ARTEFATTI CONTEMPORANEI

Mona Lisa Tina L’albero delle bugie

 

DSC_2486 

 

 

PASSIONE POESIA Atto 4 (a cura di Nino Iacovella)

Dario Bellezza/ Ignazio Gori / Lidia Riviello

 

 

 1q cop passione poesia

 

DISLIVELLI

Plinio Perilli vs Chiara Cantagalli

 

cantagalli  foto perilli (2)

 

 

FARE IL PUNTO / BATTERE IL TEMPO

 

Spunti, riflessioni, interventi, letture, recital, performance, proiezioni con

Tania Haberland, Myra Jara, Pablo López Carballo

Stephen Watts, Maria Grazia Calandrone, Lidia Riviello

Carlo Bordini, Plinio Perilli, Vincenzo Bagnoli

Nina Maroccolo, Dome Bulfaro, Marthia Carrozzo

Mariangela Guatteri, Renata Morresi, Luca Rizzatello

Julian Zhara, Lorenzo Mari, Sonia Caporossi

Giusi Montali, Roberto Batisti, Stefano Guglielmin

Antonella Pierangeli, Daniele Barbieri, Alessandro Mantovani

def Collage sab 20

 

logo-x-pag

Tania Haberland (BA, HDE, MA) è una poetessa, artista ed insegnante. Metà Mauriziana, metà Tedesca, nata in Sudafrica, ha vissuto negli Stati Uniti, Inghilterra, Germania, Italia e Arabia Saudita. Madrelingua Inglese, parla anche francese, tedesco, italiano e creolo Mauriziano. Il suo primo libro Hyphen ha vinto il premio Ingrid Jonker. Il suo primo libro, Hyphen, è stato pubblicato nella University of Cape Town Writers Series nel 2009 ed è stato insignito del prestigioso Ingrid Jonker Prize. Le sue poesie sono state pubblicate in diversi giornali, volumi e riviste cartacee e on-line, tra i quali: Agenda, Citizen 32, Orbis, IQ, Decode, South, New Contrast, Laugh it Off Annual, Carapace, Ons Klyntji,Green Dragon, Unlikely 2.O, Triplopia, Litnet, Incwadi, Sunday Independent, Argus,Cape Community Newspapers, Venue Magazine.Attualmente Tania lavora tra le Mauritius, Milano e Citta del Capo, con CreatiVita, offrendo  servizi nell’arte del benessere e dell’apprendimento. Ha insegnato nelle scuole pubbliche e private, nei rifugi per donne maltrattate e rifugiate sia che per una ampia resa di clienti privati. Il suo approccio è creativo, sensoriale ed esperienziale, sempre centrato sui discenti. Le sue esperienze di performance sono varie: dagli slam alla performance art fino alle collaborazioni con musicisti: da Bristol a Milano al Congo alle Mauritius. E’ stata invitata a recitare in numerosi Festival internazionali di Letteratura, al Parlamento e alla Galleria nazionale del Sudafrica. E’ anche conosciuta per le sue dure canzoni punk sotto la doccia.

**

Pablo López-Carballo (Spagna, 1983) è dottore di ricerca in Letteratura spagnola e ispanoamericana presso l’Università di Salamanca. Ha pubblicato i libri di poesia Sobre unas ruinas encontradas (La Garúa, 2010), Quien manda uno (Transatlántica, 2012) e La dictadura de la perspectiva (Trea, 2017) e le prose raccolte in Crea mundos y te sacarán los ojos (El Gaviero, 2012). Insieme a Rosa Benéitez Andrés, ha tradotto in spagnolo Come si diventa materialisti storici di Edoardo Sanguineti; inoltre, ha recentemente curato l’edizione di El cristal que se desdobla (Amargord, 2016) dello scrittore cubano Lorenzo García Vega. È già stato tradotto in Italia da Valerio Nardoni (Le Parole e Le Cose, 2012) e da Lorenzo Mari (L’Ulisse 2013, Nuovi Argomenti 2014), che ha anche curato l´edizione in e-book della plaquette Imbastire l´acqua (Poesia 2.0., 2013) e la selezione antologica La precisione dell’indifferenza (Carteggi Letterari, 2016).

 **

Scrive e vive a Firenze, Marthia Carrozzo,  poetessa d’origine salentina, è attrice e autrice di testi per la musica e per il teatro. Si occupa di riscritture di miti, restituiti e riattualizzati in chiave contemporanea. Il suo ultimo lavoro di teatro poesia è “Calicanthùse”, da una sua riscrittura in versi  di Jean Genet su Sabra e Chatila, con le musiche di Rocco Nigro e la partecipazione di Nabil Salameh dei Radiodervish. È presente in diverse antologie, tra cui “7gates. XIV Biennal of young artists from Europe and the Mediterranean Catalogue” (Mondadori Electa 2009) “Rosso, tra erotismo e santità” (a cura di Vanni Schiavoni, LietoColle, 2010). Del 2007, la sua prima silloge, “Utero di Luna”, Besa, con prefazione di Alda Merini. Del 2009,“Pelle alla Pelle, dimore di mare e solo sensi”, LietoColle, con prefazione di Gabriella Rusticali. Del 2012 il poemetto: “Di bellezza non si pecca eppure – Trilogia di Idrusa”, Kurumuny, con prefazione di Lello Voce, oggetto di studio e traduzione nel IV Seminario Internacional sobre Lengua y Literatura, presso la Facultad de Letras de la Universidad del País Vasco in «Modos del intimismo y del erotismo en la poesía contemporánea” del Professor José María Nadal. Nel 2012, è vincitrice della 19^ edizione del Premio Nazionale di Poesia Inedita “Ossi di Seppia”. Partecipa a Festival e Rassegne di poesia nazionali e Internazionali. Dal 2014, tiene, periodicamente, con la Dottoressa Lizia Dagostino, “Versi e camminamenti – Coscienza e conoscenza di sé attraverso la poesia”. Ha rappresentato l’Italia al 2nd. Σαρδάμ / Sardam: alternative literary readings festival, 2004, a Cipro e a Barcellona nel 2015 per “aMare Leggere” Crociera Letteraria, Festival di Letteratura per ragazzi sul mare. Del 2016 il suo ultimo poemetto Piccolissimo compianto all’incompiuto (Besa). Alcuni estratti del poemetto sono in “Poesia”, mensile internazionale di cultura poetica (Crocetti Editore) n. 306, luglio/agosto 2015, con una nota di Maria Grazia Calandrone.

**

Lidia Riviello. È nata a Roma. Autrice e conduttrice di programmi radio e tv, collabora con quotidiani, riviste e blog e organizza eventi d’arte e poesia, in Italia e all’estero. Nel 1998 pubblica il suo primo libro, Aule di passaggio, a cui seguono L’infinito del verbo andare (2002, prefazione di Edith Bruck), Rum e acqua frizzante (2003, nota di Carla Vasio), Neon 80 (Zona, 2008, nota di Edoardo Sanguineti – Premio Delfini 2007),  Ritorno al video (2009), Sonnologie (2016). Suoi testi sono tradotti in inglese, francese, tedesco, arabo e svedese. È presente nell’antologia Poeti degli anni zero (a cura di Vincenzo Ostuni, 2011). Collabora con “La Compagnia della Fortezza”, fondata e diretta dal regista e drammaturgo Armando Punzo e attiva da trent’anni nel campo della sperimentazione e della ricerca teatrale.

 **

Vincenzo Bagnoli (Bologna, 1967), autore di saggi (Contemporanea, Esedra, 1997; Letterati e massa, Carocci, 2000; Lo spazio del testo, Pendragon, 2003), è stato tra i fondatori di «Versodove». Suoi versi sono apparsi su «Rendiconti», «Origini», «Tratti», «il Verri» e in antologie uscite per Transeuropa e LietoColle, nonché in molti blog, siti e webzines (Nazione indiana, Absolutepoetry, Poetarum Silva, Atlante dei poeti, Librobreve, L’Ulisse). Ha pubblicato le raccolte 33 giri stereo LP (Gallo & Calzati, 2004), FM Onde corte (Bohumil, 2007) e Deep Sky (dif, 2008), e sul web, con foto di V. Reggi, Offscapes. Oltre i margini del paesaggio urbano (www.offscapes.it). È autore dei testi dell’album Bologna ’67-77 della band Stratten e ha collaborato ad alcuni documentari di Home Movies e Mammutfilm.

**

Lorenzo Mari. Vive e lavora in provincia di Bologna. Ha pubblicato alcuni libri di poesia, tra cui Nel debito di affiliazione (L’Arcolaio, 2013) e Ornitorinco in cinque passi (Prufrock Spa, 2016). Traduce dallo spagnolo (Pablo López Carballo, La precisione dell’indifferenza, Carteggi Letterari, 2016) e dall’inglese (Afric McGlinchey, La buona stella delle cose nascoste, L’Arcolaio, 2015). È direttore della collana “L’Altra Lingua” (dedicata alla poesia in dialetto e in traduzione) per la casa editrice L’Arcolaio. Insieme a Luigi Bosco, Michele Ortore e Davide Castiglione ha fondato la rivista di critica online “In realtà la poesia” www.inrealtalapoesia.com

 **

Nina Maroccolo, Massa 1966. Cresciuta in Sardegna da bambina, approdata a Firenze nel ‘75 – dove ha studiato Arte e Musica – vive e lavora a Roma dal 2004. Scrittrice, cantante e performer, autrice di testi teatrali, interprete, artista visiva. Lavora a recital, perfomances, improvvisazioni, azioni sceniche, teatralizzazione di testi. Ha lavorato con City Lights Italia, consorella europea della casa editrice fondata da Ferlinghetti. Nel 2009 le è stato conferito il Premio Nazionale per la Narrativa dal Sindacato Nazionale Scrittori, SIAE, Reti di Dedalus, per il racconto “Malestremo”. Pubblicazioni : IL CARRO DI SONAGLI (City Lights Italia 1999); ANNELIES MARIE FRANK (Empirìa 2004, 2a ed. 2009), con una lettera di Alda Merini; FIRENZE-ROMA (Pulcinoelefante 2004), a cura di Eric Toccaceli; DOCUMENTO 976 – Il processo a Adolf Eichmann – (testo drammaturgico, Nuova Cultura, Roma 2008), con prefazione di Fabio Pierangeli e Roberto Mosena; ILLACRIMATA (Tracce 2011), con saggio introduttivo di Paolo Lagazzi; S’IMPALPITI MATERIA – Omaggio a Giacomo Manzù, libro-oggetto d’arte a tiratura limitata (Edizioni d’Arte Musidora 2011); ANIMAMADRE (Tracce 2012), romanzo: prefazione di Fabio Pierangeli. MALESTREMO – Sedici viaggi nell’Altrove (Tracce 2013), racconti: introduzione di Marco Palladini, a concludere la Trilogia dal titolo I POSTERI DEL MODERNO (Illacrimata, Animamadre, Malestremo). ERO NATO ERRORE – Storia di Anthony, romanzo scritto insieme ad Anthony Wallace (Pagine, Fondazione Roma Arte/Musei, 2014).

**

Maria Grazia Calandrone (Milano, 1964, vive a Roma): poetessa, drammaturga, artista visiva, performer, autrice e conduttrice per Radio 3, scrive per “Corriere della Sera”, “il manifesto” e “Poesia”. Tiene laboratori di poesia nelle scuole (applicando un metodo associativo da lei stessa ideato per studenti, da elementari a universitari), nelle carceri, nei DSM, con i malati di Alzheimer e con i migranti e presta servizio volontario in “Piccoli Maestri”, scuola di lettura per ragazzi. Collabora con Rai Letteratura e Cult Book. Libri: La scimmia randagia (Crocetti, 2003 – premio Pasolini Opera Prima), Come per mezzo di una briglia ardente (Atelier, 2005), La macchina responsabile (Crocetti, 2007), Sulla bocca di tutti (Crocetti, 2010 – premio Napoli), Atto di vita nascente (LietoColle, 2010), L’infinito mélo, pseudoromanzo con Vivavox, cd di sue letture dei propri testi (sossella, 2011), La vita chiara (transeuropa, 2011), Serie fossile (Crocetti, 2015 – premi Marazza e Tassoni, rosa Viareggio), Per voce sola (ChiPiùNeArt, 2016), raccolta di monologhi teatrali, disegni e fotografie, con cd allegato di Sonia Bergamasco con EstTrio e Gli Scomparsi – storie da “Chi l’ha visto?” (Gialla Oro pordenonelegge, 2016); è in Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012). Sue sillogi compaiono in antologie e riviste di numerosi paesi. Porta in scena in Europa il videoconcerto Senza bagaglio. www.mariagraziacalandrone.it

**

Myra Jara è nata a Lima nel 1987 e vive a Roma. Ha studiato letteratura in America Latina, in Germania e in Italia e ha praticato danza contemporanea a Lima e a New York. Ha fatto parte per due anni (2012 e 2013) dello staff del Festival internazionale di poesia di Lima. Ha insegnato inglese basico nell’Università Statale di Lima. Ha pubblicato, in Perù, la raccolta poetica La destrucción es blanca (Lustra Ediciónes, 2015). Sue poesie sono state pubblicate su riviste di poesia in Messico, Argentina, Perù, Italia e Finlandia.

**

Stephen Watts è un poeta, antologista e traduttore. Ha tenuto molti laboratori di poesia in scuole, ospedali e centri per senza casa, e nel 2006 ha lavorato con la HI-Arts di Inverness su questioni di suicidio e sopravvivenza. Tra le recenti pubblicazioni, i libri di poesia Mountain Language / Lingua di montagna (2008), Journey Across Breath / Tragitto nel respiro (2011), Ancient Sunlight (2014), Gramsci & Caruso (2014). Tra le co-traduzioni pubblicate, lavori di Ziba Karbassi, Claudiu Komartin, Amarjit Chandan, Adnan al-Sayegh, A. N. Stencl, Meta Kusar, nonché antologie di poesia slovena e curda.

**

Antonella Pierangeli, nata a Roma nel 1964, è docente, critico letterario, filologo. P.P. Pasolini e M. Foucault sono gli autori sui quali ha focalizzato i suoi studi, oltre ad occuparsi attivamente dell’opera di M. Blanchot. Ha svolto inoltre attività di ricerca presso il Fondo Pasolini e il Gabinetto Vieusseux di Firenze e pubblicato su riviste come L’Area di BrocaVernice, Storia & Storici, Verde, Kasparhauser. Ha curato l’apparato bibliografico del volume Romanzi e Racconti di P. P. Pasolini nei Meridiani Mondadori (1998), il volume Pasolini, visioni e profezie tra presente e passato (Sulle orme della Storia) (GoWare 2012) e, insieme a Sonia Caporossi, l’ebook Un anno di Critica Impura (Web – Press 2013) e l’antologia Poeti della Lontananza (Marco Saya Edizioni, Milano 2014).

**

Mariangela Guatteri è nata a Reggio Emilia nel 1963. È co-curatore dei libri bilingui «Benways Series», di «GAMMM» e della manifestazione «EX.IT – Materiali fuori contesto». Ha pubblicato libri in poesia e prosa ed esposto opere visive in gallerie, musei, parchi e in vari altri luoghi e contesti. Recenti pubblicazioni in prosa: Villino svizzero in Semicerchio, LIV, Pacini ed., 2016; Una falsa routine, L’Immaginazione n. 295, Manni, 2016; «La cognizione dello spazio / La connaissance de l’espace» (Benway Series – Feuilles, 2014), in svedese, nel n. 67/68 della rivista OEI; «Figurina enigmistica», (IkonaLíber, 2013), in svedese, le immagini e alcune pagine nel n. 67/68 della rivista OEI; “La terra risulta informe e vuota”, da cui le opere visive di Ugo La Pietra, Daniel Tummolillo, Georgia Torreano Herrera, collana Coincidenze, Accademia di Brera, Milano; Casino Conolly, (in «EX.IT 2013», Tielleci, 2013); «Il secondo nome» (Arcipelago, 2012); «Tavola delle materie» (diyfferx, 2012) / Table des matières in Nioques #14 (La Fabrique editions, 2015) / Table of matter (excerpts) in InVerse 2014-2015 (John Cabot University Press, 2015); «Nuovo soggettario» (diyfferx, 2011). Il suo ultimo libro di poesia è «Stati di assedio» (Anterem, 2011 – Premio Lorenzo Montano). Tra gli altri scritti, un intervento teorico sull’asemic writing: “Si on veut voir, il faut se déshabituer à voir” [in occasione della mostra Asemic Writing a cura della rivista UTSANGA, Museo del Parco Archeologico Scolacium, Catanzaro, dicembre 2016]; una riflessione circa l’utilizzo dei media nella produzione artistica e  letteraria: La cognizione del meccanismo e la grammatica ovvero la consapevolezza del potere del mezzo[in versione ridotta e in due parti: L’Immaginazione n. 289 e 290, Manni 2015; versione integrale: puntocritico.eu]; appunti sulla Descrizione del mondo (un progetto di Andrea Inglese)Si assume il reale nelle sue varie manifestazioni [Descrizione del mondo – repertori, 2015].

**

Luca Rizzatello (1983). Pubblicazioni: Ossidi se piove (Valentina Editrice, 2007); Grilli per l’attesa – Una riscrittura di Pinocchio (Valentina Editrice, 2008); mano morta con dita (Valentina Editrice, 2012, incisioni di Nicola Cavallaro,); faria (Dot.com Press, 2016, con Giusi Montali). Dal 2004 al 2015 è stato coordinatore del Premio Letterario Anna Osti (Costa di Rovigo). Dal 2009 al 2015 ha curato la rassegna Precipitati e composti, e nel 2012 ha fondato le Edizioni Prufrock spa. Dal 2012 al 2015 ha curato, sul sito Poesia 2.0, la rubrica Tigre contro grammofono, e nel 2016, sul sito Librobreve, la rubrica Domatori di organi.  Musica: Wow!els – a new fairy tales experience, con Roberta Durante; Numbers – tech house e discorsi celebri; Couplets, con Alessandra Greco. Ha pubblicato, per la NetLabel Ozky e-sound, gli EP Chantom limb (2013) e Opah (2016). Nel 2015, insieme alle case editrici Benway Series e Diaforia, ha fondato Una modesta proposta, una tavola rotonda itinerante per l’editoria e il pensiero pratico. Gestisce il blog vivere senza poesia.

**

Julian Zhara nasce a Durazzo il 21 Maggio 1986. Trasferitosi in Italia all’età di 13 anni, ha all’attivo una pubblicazione, “In apnea” (Granviale, 2009) con la prefazione di Aldo Vianello. Presente tra i finalisti del Premio Dubito in L’epoca che scrivo, la rivolta che mordo (Agenzia X, 2013) . Oltre che poeta, performer è organizzatore culturale di eventi poetici e letterari a Venezia. Dal marzo 2012 ha iniziato una collaborazione col compositore Ilich Molin e il video-artist Enrico Sambenini per il progetto “Dune”. Scrive per la rivista Blare Out con cui cura anche Andata e Ritorno. Festival di poesia orale e musica digitale.

**

Renata Morresi ha pubblicato poesia in Cuore comune (peQuod 2010), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), e su varie riviste e antologie (Semicerchio, Caffè illustrato, Alfabeta2, Il nostro Lunedì, ecc.). Ama tradurre; di recente: Emily Dickinson, su Smerilliana (2016). Sta lavorando a una edizione italiana dei testi di Dickinson accompagnati dalle fotografie della serie “Io sono Nessuno” di Mario Giacomelli, in uscita per i tipi di Arcipelago Itaca. Tra i suoi ultimi lavori: Usi delle bestie, apparsa su Poesia (maggio 2016); Madame Marie Tussaud, su la rivista-foglio 2×2, n.2.2 (Accademia di Brera, Otis Graduate Writing); la serie “Di fragile costituzione”, in conversazione con la Costituzione italiana, in fase di traduzione verso lo spagnolo per un’opera antologica;  Interférences #7: riscrizioni di mondo, un dispositivo poetico a 11 autori + 2 (opera collettiva). È redattrice di Nazione Indiana e di punto critico°.

**

Dome Bulfaro (1971), poeta e performer, tra i più attivi nello sviluppo della poesia performativa. Su invito degli Istituti Italiani di Cultura ha rappresentato la poesia italiana in Scozia (2009), Australia (2012) e Brasile (2014). Ha cofondato la LIPS, Lega italiana poetry slam e ha raccontato il movimento slam, internazionale e italiano, nel libro Guida liquida al poetry slam (2016). È ideatore e condirettore artistico del festival PoesiaPresente. È stato tra i primi in Italia a sviluppare e diffondere la poetry therapy. Sue poesie sono state pubblicate in vari Paesi: la prima volta negli USA con la silloge (Ossa, silloge tradotta nel 2006 da Christopher Arigo) e l’ultima nel Regno Unito (3 Ictus, 2016), con poesie tradotte da Cristina Viti. Da questo libro è tratto l’omonimo spettacolo teatrale Marcia film (2016), regia di Enrico Roveris, che ha firmato tutti gli spettacoli dell’autore.

**

Stefano Guglielmin è nato nel 1961 a Schio (VI), dove vive e lavora come insegnante di lettere. Laureato in filosofia nel 1986 con una testi sul “pensiero debole” di G. Vattimo (110 e lode). Membro della Società filosofica Italiana. Ha pubblicato le sillogi Fascinose estroversioni (Quaderni del Gruppo Fara, 1985, premio “poesia giovane”), Logoshima (Firenze Libri, 1988), come a beato confine (Book Editore, 2003, primo premio “Lorenzo Montano”), La distanza immedicata / The immedicate rift (Le Voci della Luna, 2006, finalista al premio “Montano” Verona, segnalato ai premi “Campagnola” di Padova e al “Gozzano” di Terzo, prov. Alessandria), C’è bufera dentro la madre (L’arcolaio, 2010, 2° class. al “Città di Adelfia”, Bari; 3° class.  al Premio “Anna Osti” di Costa di Rovigo), Le volpi gridano in giardino (CFR Edizioni, 2013, 2° class. all'”A. Osti”), Maybe it’s raining. Selected poemes 1985-2014 (Chelsea Editions, 2014), Ciao cari (La Vita Felice, 2016, segnalato al premio “Gozzano”) e i saggi Scritti nomadi. Spaesamento ed erranza nella letteratura del Novecento (Anterem, 2001), Senza riparo. Poesia e finitezza (La Vita Felice, 2009), Blanc de ta nuque. Uno sguardo (dalla rete) sulla poesia italiana contemporanea voll. 1 e 2 (Le Voci della Luna, 2011, Dot.com Press 2016) e Le vie del ritorno. Letteratura, pensiero, caducità (Moretti&Vitali, 2014).  È inserito in alcune antologie, fra le quali Il presente della poesia italiana, curata da C. Dentali e S. Salvi (LietoColle, 2006) e Caminos del agua. Antologia de poetas italianos del segundo Novecientos, a cura di E. Reginato (Monte Avila, Venezuela 2008). Suoi saggi e poesie sono usciti su numerose riviste italiane ed estere e su siti web. È stato tradotto in inglese, spagnolo e bulgaro. Ha pubblicato anche racconti; l’ultimo in L. Liberale (a cura di), Père-Lachiase. Racconti dalle tombe di Parigi, Ratio et Rivelatio, Oradea (Romania), 2014. Dirige le collane di poesia “Laboratorio” per le edizioni “L’Arcolaio”, “Segni” per conto della “Dot.com Press” e, assieme a M. Ferrari e M. Morasso, “Format” della “Puntoacapo Editrice”. Gestisce il blog di poesia Blanc de ta nuque.

**

Carlo Bordini (Roma, 1938) vive a Roma. E’ stato militante trotskista. Ha insegnato storia moderna presso il Dipartimento di Studi storici dell’università di Roma La Sapienza, dove si è specializzato nella storia della Corsica nel XVIII secolo e in storia della famiglia e dell’amore. Ha pubblicato i seguenti volumi di poesie: Strana categoria (ciclostilato in proprio), 1975; Poesie leggere, Barbablu, 1981; Strategia, Savelli, 1981; Pericolo, Aelia Laelia, 1984; Mangiare, Empirìa, 1995; Polvere, Empirìa, 1999; Pericolo – poesie 1975-2004 (antologia), Manni, 2004; Purpureo Nettare, Alla pasticceria del pesce, 2006 (con acquarelli di Rosa Foschi); Poema inutile, Empirìa, 2007 (con disegni di Rosa Foschi); Sasso, Scheiwiller, 2008. I costruttori di vulcani (Tutte le poesie 1975-2010, luca sossella editore, 2010; Assenza, Carteggi letterari/le edizioni, 2016. Ha pubblicato, come narratore: Pezzi di ricambio (racconti e frammenti), Empirìa 2003; Manuale di autodistruzione, Fazi 1998 – 2004; Gustavo – una malattia mentale, Avagliano 2006; I diritti inumani ed altre storie, La camera verde, 2009. È uscito da poco il romanzo Memorie di un rivoluzionario timido per luca sossella editore. Ha partecipato a diversi festival di poesia in vari paesi nel mondo. E’ tradotto in varie lingue. http://www.carlobordini.com/

**

Giusi Montali è nata a Carpi nel 1986. Nel 2011 si laurea in Italianistica presso l’Università di Bologna con una tesi su Amelia Rosselli. Nello stesso anno inizia a partecipare a diverse letture presso gallerie d’arte, librerie e locali. Ha pubblicato la raccolta Fotometria (edizioni Prufrock spa, 2013) ed è coautrice assieme a Luca Rizzatello della raccolta Faria (Dot.com Press). Nel 2016 termina un Dottorato di Ricerca in Filologia Moderna presso l’Università di Pavia con una tesi su Alfredo Giuliani.

**

Oltre a scrivere poesie, Daniele Barbieri (nato 1957), di formazione semiologo, insegna presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, l’ISIA di Urbino e l’Università di S.Marino. Ha pubblicato diversi volumi di carattere critico, in alcuni dei quali si parla anche di poesia: Nel corso del testo. Una teoria della tensione e del ritmo (Bompiani, 2004), Il linguaggio della poesia (Bompiani, 2011). Ha partecipato come poeta a RicercaBO 2015. Sue illuminate opinioni, anche sulla poesia, si possono leggere sul suo blog all’indirizzo www.guardareleggere.net. Ulteriori informazioni su di lui a www.danielebarbieri.it. Sue poesie, oltre che nel volume La nostra vita, e altro (Campanotto 2004), e nel volume collettivo Emozioni in marcia (Fara Editore 2015 – contiene un’intera silloge di 80 componimenti, intitolata Canzonette) si possono leggere in anteprima sull’altro suo blog, all’indirizzo ancoraunaltrome.wordpress.com.

**

Roberto Batisti (1985) è assegnista di ricerca presso l’Università di Bologna e docente abilitato di materie letterarie. Specializzato in linguistica storica del greco antico – ambito in cui si collocano i suoi interessi accademici – dedica da tempo alla poesia italiana contemporanea un’attenzione non secondaria, che negli ultimi anni si è venuta concretizzando in diversi interventi critici apparsi soprattutto online (su In realtà la poesia, Poetarum Silva, Critica Impura, La Balena Bianca, Perigeion, Mumble) oltre che nell’organizzazione di reading. Ha pubblicato alcuni suoi testi poetici su riviste, siti web, antologie.

**

Sonia Caporossi (Tivoli, 1973), docente, musicista, musicologa, scrittrice, poeta, critico letterario, artista digitale, si occupa di estetica filosofica e filosofia del linguaggio. Con il gruppo di art-psychedelic rock Void Generator ha all’attivo gli album Phantom Hell And Soar Angelic (Phonosphera Records 2010), Collision EP (2011), Supersound (2014) e le compilation Fuori dal Centro (Fluido Distribuzioni, ITA 1999) e Riot On Sunset 25 (272 Records, USA 2011). Suoi contributi saggistici, narrativi e poetici sono apparsi su blog e riviste nazionali e internazionali come In Realtà La Poesia, Atelier, Cadillac, Nazione Indiana, Kasparhauser, Filosofia In Movimento, Italian Studies in Southern Africa, Dialettica & Filosofia, Megachip e altri. Dirige il blog Critica Impura. Ha pubblicato a maggio del 2014 la raccolta narrativa Opus Metachronicum (Corrimano Edizioni, Palermo 2014, seconda ed. 2015). Insieme ad Antonella Pierangeli ha inoltre pubblicato Un anno di Critica Impura (Web Press, Milano 2013) e la curatela antologica Poeti della lontananza (Milano, Marco Saya Edizioni, Milano 2014). È presente con contributi saggistici, nei collettanei Pasolini, una diversità consapevole a cura di Enzo Campi (Marco Saya Edizioni, Milano 2015) e La pietà del pensiero. Heidegger e i Quaderni Neri a cura di Francesca Brencio (Aguaplano Edizioni, Perugia 2015). Nel 2016 pubblica la silloge di poesie omoerotiche Erotomaculae (Algra Editore, Catania 2016), e nel 2017 la raccolta di saggi Da che parte stai? (Marco Saya Edizioni). Vive e lavora nei pressi di Roma

**

Plinio Perilli (Roma, 1955) ha esordito come poeta nel 1982, pubblicando un poemetto sulla rivista “Alfabeta”, auspice Antonio Porta. La sua prima raccolta è del 1989, L’Amore visto dall’alto (Amadeus), finalista quell’anno al Premio Viareggio), ristampata nel 1996. Seguono i racconti in versi di Ragazze italiane (Sansoni, 1990, due edizioni, Premio B. Joppolo). Chiude una sorta di trilogia della Giovinezza con il volume Preghiere d’un laico (Amadeus, 1994), che vince vari premi internazionali: il Montale, il Gozzano e il Gatto. Petali in luce, una sorta di diario lirico condensato e sublimato in 365 “terzine”, è uscito nel 1998, presentato da Giuseppe Pontiggia (Amadeus). Recentissimo, il suo “canzoniere d’amore” Gli amanti in volo (Pagine, 2014), che comprende poesie e poemetti dal 1998 al 2013. Una raccolta antologica delle sue poesie, Promises of Love (Selected Poems), è stata tradotta in inglese da Carol Lettieri e Irene Marchegiani, ed editata a New York nel 2004 presso le Gradiva Publications della Stony Brook University. Nel 2011 il suo poemetto L’Aquila, sorvolandosi, dedicato al tragico evento del terremoto del 6 aprile 2009, ha vinto il Premio Internazionale Scanno per la Poesia. Come critico si occupa specialmente di convergenze multidisciplinari e sinestesie artistiche (Storia dell’arte italiana in poesia, Sansoni, 1990), nonché dell’insegnamento della poesia ai giovani e nelle scuole (La parola esteriore. I nuovi giovani e la letteratura, Tracce, 1993; Educare in poesia, A.V.E., 1994). Del 1998 è un grande studio antologico sul ‘900 italiano in rapporto all’idea di Natura (Melodie della Terra. Il sentimento cosmico nei poeti italiani del nostro secolo, Crocetti, 2ª edizione 2002). Collabora a numerose riviste e ha curato molti classici, antichi e moderni, dal “Canzoniere” di Petrarca alle liriche di Michelangelo, dai “Taccuini futuristi” di Boccioni alle poesie di Carlo Levi, dagli scritti di Svevo su Joyce a “Inventario privato” di Pagliarani e “Variazioni belliche” di Amelia Rosselli.  Un suo vasto e intrecciato repertorio sui rapporti fra il Cinema e tutte le altre arti: “Costruire lo sguardo”. Storia sinestetica del Cinema in 40 grandi registi (Mancosu Editore, 2009), ha reso finalmente omaggio a tutte le magiche corrispondenze e i più fantasiosi sodalizi espressivi, che intrecciano e irradiano, insieme, l’ispirazione e l’immaginario. A seguire, il volume di scritture e memorie testimoniali RomAmor (“Come eravamo 1968-2008”), edito nel 2010 presso le Edizioni del Giano, tutto dedicato al rapporto fra Roma come entità ed amalgama letterario, e i grandi numi tutelari della seconda metà del ’900, fino ai nostri ultimi anni: da Gadda a Moravia, da Flaiano a Pasolini, da Amelia Rosselli a Dario Bellezza, etc. Ha tenuto numerose conferenze, presentazioni e prolusioni presso le maggiori università italiane ed americane.

**

Alessandro Mantovani (Genova, 1991). Fondatore e direttore a Genova del mensile indipendente di poesia e letteratura Fischi di carta, oggi scrive per svariate testate online ed è parte della redazione della rivista di cultura militante La Balena Bianca; è inoltre caporedattore della testata divulgativa Midnight Magazine. Oltre a un periodo passato alla sede bolognese de La Repubblica da tempo collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna. Come poeta compare in Ossigeno Nascente, l’atlante dei poeti diretto da Marco Marangoni, e pubblica nel 2015 per L’arcolaio la sua opera prima Poesie dopo la festa. Altri suoi inediti sono usciti su riviste come Atelier, QuidCulturae, Mosaik, Poetarum Silva. Attualmente insegna lettere in un liceo di Bologna.

**

Chiara Cantagalli nasce e cresce nella sua adorata campagna mantovana ma vive a Bologna perchè vuole diventare famosa per tre quarti d’ora (nondipiù!!). Laureata in Lettere, fa la cameriera quando non può farne a meno ed è da poco “social manager” (così le hanno detto) di Lardo ai giovani-onda d’urto demenziale di cui conduce anche il programma su Radio Città Fujiko chiamato Radio Rigurgito. Scrive i suoi deliri, senza fare troppo caso alla punteggiatura, sul blog lascantastorie.wordpress.com e ogni tanto dà spettacolo in giro. Da grande vuole diventare bambina e ci sta riuscendo malgrado il carovita e la ritenzione idrica.

**

Artista, performer e arte terapeuta, Mona Lisa Tina vive e lavora a Bologna. Nata a Francavilla Fontana (BR) nel 1977, si è diplomata nel 2005 in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna e si è specializzata nel 2012 in Arte Terapia presso Art Therapy Italiana. Dal 2011 coordina, insieme a Stefano Ferrari, docente di Psicologia dell’arte all’Università di Bologna, il Gruppo di studio “Psicologia e Arte Contemporanea” della IAAP (International Association for Art and Psychology). Da Giugno 2014 a Marzo 2015 ha attivato in collaborazione con il Dottor Giovanni Castaldi (psicoanalista e docente di “Teorie e Metodi delle Arti Terapie” all’Accademia Albertina delle Belle Arti ) un progetto formativo sperimentale annuale sul tema dell’identità, presso la GAM (Galleria Civica Moderna e Contemporanea)  di Torino. Mona Lisa Tina è membro del gruppo di ricerca Medical Art Therapy di Firenze sulle applicazioni delle arti terapie in ambito clinico.  E’ parte del corpo docente del “Centro Sarvas” – scuola di counseling umanistico di Bologna dove insegna Arte Terapia e del Master e Corso triennale di formazione in Arte Terapia a Roma. Tra le sue performance ricordiamo: Sguardi corporei, Obscuratio, Human, Into the Core, Anthozoa, Skin Borders, Io non ho vergogna, Centrum Naturae, Per la tua carne, L’albero delle bugie.