Linguaggi del corpo

Bologna in Lettere 2016 – I programmi di giovedì 26 e venerdì 27 Maggio

BOLOGNA IN LETTERE  2016

STRATIFICAZIONI

(arte-fatti contemporanei)

 

 Logo BIL nuovo

 

 

GIOVEDI’ 26 MAGGIO

ore 20.30

SPAZIO TESTONI  

VIA D’AZEGLIO 50

 

 

 

I costruttori di vulcani e altre storie

Incontro con Carlo Bordini

In dialogo con Loredana Magazzeni, Vincenzo Bagnoli

carlo-bordini 2

 

***************** 

VENERDI’ 27 MAGGIO

ore 17.30

COSTARENA

VIA AZZO GARDINO 48

Premiazione dei concorsi letterari di Bologna in Lettere

Relatori delle giurie

Laura Barile, Sonia Caporossi, Maria Luisa Vezzali

 Editore Marco Saya

Sono stati invitati i vincitori e i finalisti

Anna Bertini, Roberta Caiffa, Lella De Marchi

Fernando Della Posta, Alessandro Silva, Rodolfo Cernilogar

Giulietta Vincitorio, Valerio Scrima, Carlo Maria Genovese

 

Cop rtg Rosselli x web 

 

Il colpo di coda – Amelia Rosselli e la poetica del lutto

Interventi di

Francesco Carbognin, Plinio Perilli

Antonella Pierangeli, Marco Adorno Rossi

Biblion-Libreriabookscoffee1 logo nuovo

 

*****************  

 

VENERDI’ 27 MAGGIO

 ore 20.30

CASSERO LGBT CENTER  

VIA DON MINZONI 18

cassero_logo_2013_O_color

 11143631_876871799050373_6681151659905979244_n

 

Rime per un altro secolo

A cura di Daniela Rossi

con

Cecilia Bello Minciacchi

Adriano Engelbrecht, Patrizia Mattioli

 

 mattioli

Il fiore inverso

Performance di Lello Voce

 

 firenze (1)

Arte-fatti contemporanei

Eleonora Manca

Chrysalis room 

METAMOR(PH) 

Anamorphosis

801a30_9a8a385d25634ed291406523f112fe6d 

 

Bologna in Lettere 2016 – Alessandro Amaducci

Sabato 21 Maggio ore 21.00

 

Ateliersi – Via S. Vitale 69

 

 

 

 

Alessandro Amaducci

Post Rebis

I am your database

In the cave

I Am Your Database13

“Electric Self – Anthology”

 

Il titolo di questa antologia provvisoria di video indica la volontà di entrare in maniera diretta dentro una sorta di inconscio elettronico, di caverna di ombre contaminate dalle nuove tecnologie, dove vivono o riemergono fantasmi di immagini, forme archetipiche, ma anche “insospettabili” cliché del mondo di Internet, personaggi stereotipati, modelli, figure che galleggiano nel mare della Rete e che noi cerchiamo e scarichiamo sul nostro computer senza sapere il più delle volte il perché.

L’ingresso nel mondo dell’inconscio elettronico è un viaggio oscuro, denso di ferite, dove si incontrano personaggi femminili, corpi che incarnano in qualche modo alcuni temi che ossessivamente si rincorrono, come la vita, la morte, il desiderio, il voyeurismo, la trasformazione del mondo in spettacolo, e l’inossidabile potenza fascinatoria della forma umana, del corpo inteso come luogo esoterico, come spazio simbolico. Entrare nell’inconscio elettronico significa anche ri-scoprire la propria ombra infantile, quel momento in cui la dimensione della morte e della vita sono confuse, e con le quali si può giocare anche in maniera crudele, in cui la bellezza e la mostruosità possono convivere, dove la paura è necessaria perché foriera di emozioni.

In the Cave 01

Post Rebis

 

Video, computer grafica, musica: Alessandro Amaducci

Presenza: Eurinome

 

In una landa desolata qualcuno o qualcosa sta costruendo un nuovo Rebis fatto di carne e tecnologia.

 

 


 

 

I am your database

 

Video, computer grafica, musica: Alessandro Amaducci

Presenza: Freaky Bones

 

Abbiamo una vita sola. Nel videogioco dell’esistenza inizia la battaglia finale, e il vincitore è già designato. Database di vita, database di morte.

 

 


 

 

In the cave

 

Video, computer grafica, musica: Alessandro Amaducci

Presenza: Eurinome

 

I computer sognano? Certamente lo fanno. Viviamo in una caverna piena di tecnologia, e siamo circondati dalle ombre dei moni che creiamo: ma ora anche la tecnologia è in grado di creare mondi, di cambiare l’aspetto del mondo, di offrire un punto di vista del mondo. Vogliamo essere guardati dalla tecnologia, vogliamo guardare dentro la tecnologia. Così cosa succede quando il nostro immaginario collide con il sistema di immagini della tecnologia? Una sovraesposizione di modelli e archetipi ma anche qualcosa di nuovo: l’unione fra scienza e sogno, naturale e artificiale, e di tensioni presenti e future.

Alessandro Amaducci Post Rebis 01 reduce

Alessandro Amaducci (Torino, 1967), laureato in Storia e Critica del Cinema con una tesi dal titolo Videoarte: problemi di teoria e di linguaggio. Dal 1998 al 1992 collabora presso il Centro Arti Visive Archimede di Torino, realizzando corsi di analisi dell’immagine, di teoria del montaggio, di pratica del video, e di storia e teoria della videoarte, oltre a curare attività didattiche di approccio al video in scuole elementari e medie e per portatori di handicap. Dal 1991 al 1998 collabora presso l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza di Torino, diretto da Paolo Gobetti. Fra il 1994 e il 1999 insegna Produzione di Audiovisivi all’interno del corso di Computer Grafica presso l’Istituto Europeo del Design di Milano, nonché in numerosi corsi di formazione professionale a Torino. Fra il 1995 e il 1997 ha collaborato presso il Teatro Juvarra di Torino alla realizzazione di tre corsi di formazione professionale sulla scenografia elettronica e sul videoteatro. Attualmente insegna come ricercatore presso il DAMS di Torino. Ha pubblicato una serie di libri sul rapporto fra le arti e le nuove tecnologie. Dal 1989 realizza video sperimentali, video di danza, videoinstallazioni e documentari, oltre a videoclip musicali, acquisendo esperienza di operatore e montatore video specializzato in postproduzione digitale. La sua produzione attualmente si è spostata anche sul fronte live, realizzando spettacoli video dal vivo e videoscenografie per spettacoli di teatro e danza.

In the Cave 00000035

Ha partecipato a numerosi festival nazionali e internazionali.

Qui di seguito una selezione delle partecipazioni relative agli ultimi due anni

2016

Festival International de Videodanse de Bourgogne, Le creusot

Media Art Festival, Roma

Moda 360 LA, Los Angeles

Ca’ Foscari Short Film Festival, Venezia

Other Identity, Genova

Madatac, International Festival of Contemporary Audio-Visual, Madrid

2015

Streaming International Videoart Festival, Milano

Istanbul Fashion Film Festival

Videoformes @ Transnumerique, Mons, belgio

Lahore Fashion Film Festival, Pakistan

Festival Vidéoformes per Politech Science Art, Mosca

Book and Movies International Prize, Alcobaca, Portogallo

Ivahm Festival Internacional de Videoarte, Madrid

In the Cave 00000015

Link utili

http://www.alessandroamaducci.net/node/465

http://www.alessandroamaducci.net/node/347

Web site

http://www.alessandroamaducci.net/

Bologna in Lettere 2016 – Il programma di venerdì 13 maggio

BOLOGNA IN LETTERE  2016

STRATIFICAZIONI

(arte-fatti contemporanei)

 

 

VENERDI’ 13 MAGGIO

ore 20.30

 

EPS FACTORY  

VIA CASTIGLIONE 26

 

 12118669_1500528250272981_1134697665043129999_n

 

Programma

 

 Perdonatemi

Performance di Tiziana  Cera Rosco

 

 Sonia Caporossi   Erotomaculae   (Algra Editore)

in dialogo con Alessandro Brusa

  

Il colpo di coda – Amelia Rosselli e la poetica del lutto

(Marco Saya Edizioni)

Salvatore Ritrovato

Una vena lirica nella Cantilena di Amelia Rosselli

Enzo Campi

Epico, sapido, quasi sadico: per un (auto)ritratto di Amelia Rosselli

 

Marina Pizzi Per sospettare sì finalmente fine

Interpretata da Sonia Lambertini

 

 Arte-fatti contemporanei: Francesca Lolli

Ninna nanna salata

Just want to be a woman

Dove sei stato

I-dentity

Biblion-Libreriabookscoffee1 logo nuovo

Logo BIL nuovo