Intellettuale

Bologna in Lettere 2015 – Venerdì 22 Maggio

gic 2 logo ter cor

 

Venerdì 22 Maggio

 Cassero Lgbt Center Via Don Minzoni 18 dalle 19.00 alle 23.00

cassero_logo_2013_O_color

Proseguendo un finale 

Focus su Elio Pagliarani

11054296_549470955194950_2602241493417787371_n

Cura e conduzione Francesca Del Moro 

in dialogo con Maria Concetta Petrollo

Relatori

Luigi Ballerini, Francesco Muzzioli, Biagio Cepollaro 
Vincenzo Frungillo, Sonia Caporossi, Luciano Mazziotta

Letture e testimonianze

Maria Concetta Petrollo, Rosaria Lo Russo, Carla Chiarelli 

Sara Ventroni, Rita Galbucci, Nadia Cavalera

Proiezione di un estratto de “La ragazza Carla”

Regia Alberto Saibene

Un film di  Carla Chiarelli, Carlotta Cristiani

Gianfilippo Pedote, Alberto Saibene 

Con Carla Chiarelli. Fotografia Luca Bigazzi, Simone Pera  

pas progr

Pasolini, la diversità consapevole

pas perf mauri

Proiezione del video della performance “Intellettuale” di Fabio Mauri

Con un’introduzione di Roberto Chiesi

11160590_10203892792109125_5193786835410124440_n

Antonella Pierangeli Supplica a mia madre (Lectio magistralis)

Bologna in Lettere 2015 – Pasolini nel quarantennale della scomparsa

pas progr

 

 

BOLOGNA IN LETTERE 2015
SISTEMI D’ATTRAZIONE
PASOLINI, LA DIVERSITA’ CONSAPEVOLE

 

558216-pasolini

La terza edizione del Festival è dedicata alla complessa ed articolata figura di Pier Paolo Pasolini. Lo staff del Festival, operando secondo l’ottica dei “Sistemi d’Attrazione” (gli spazi di confine e le linee di intercomunicazione tra i vari linguaggi artistici ed espressivi), ha inteso concertare e strutturare un focus pasoliniano che si articolerà nelle prime 5 giornate.

off

Ven. 15, “La macchina miracolante”, recital ispirato alla corrispondenza epistolare tra Pasolini, Leonetti e Roversi, dalla quale è scaturita l’esperienza della rivista letteraria bolognese “Officina”, testi e regia Enzo Campi, musiche Mario Sboarina, con Alessandro Brusa, Enea Roversi.

casi

Sab. 16, l’intervento di Stefano Casi: “Bologna, le contraddizioni di una città pasoliniana per caso”.

11059484_10203884912192132_1411651745413701481_n

Ven. 22, la proiezione del video della performance “Intellettuale” di Fabio Mauri, con Pasolini come attore, con un’introduzione di Roberto Chiesi; e “Supplica a mia madre”, lectio magistralis di Antonella Pierangeli.

Copertina_Pasolini-page-001 (1)

Sab. 23, le premiazioni dei due concorsi letterari dedicati a Pasolini banditi dallo staff; la presentazione del volume “Pasolini, la diversità consapevole”, a cura di Enzo Campi, edito da Marco Saya Editore, con contributi critici e scritti dedicati di Sonia Caporossi, Roberto Chiesi, Vladimir D’Amora, Antonella Pierangeli, Marco Adorno Rossi, Enzo Campi. Il volume comprende la riproduzione del dattiloscritto originale della prima stesura di “Supplica a mia madre” (1962). Il volume comprende inoltre i testi dei finalisti dei Concorsi Letterari. 

22326_10203892789989072_2387680867870814630_n

La kermesse pasoliniana si concluderà Ven. 29 con un vero e proprio focus che comprenderà un intervento di Roberto Chiesi sui luoghi bolognesi del cinema pasoliniano, la performance “Io non ritratto” di Dome Bulfaro, la presentazione, a cura di Daniele Poletti, Ermanno Moretti e in anteprima nazionale, del saggio “Sulla rivoluzione incompiuta di Pasolini” di Peter Carravetta (Diaforia/Cinquemarzo Edizioni), la proiezione del documentario “Pier Paolo Pasolini” di Carlo Di Carlo (aiuto regista di Pasolini in Mamma Roma, La Ricotta, La Rabbia), un’affabulazione di Sonia Caporossi, un intervento di Antonella Pierangeli e la kermesse “Oltre ogni possibile fine: Versi per PPP”, a cura di Claudio Finelli, Carmine De Falco, con Bruno Galluccio, Ferdinando Tricarico, Omar Ghiani, Costanzo Ioni.
Il focus è stato realizzato con la collaborazione del Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Fondazione Cineteca di Bologna, di Marco Saya Editore e del Cassero Lgbt Center.

pas d

L’ansia del consumo è un’ansia di obbedienza a un ordine non pronunciato. Ognuno in Italia sente l’ansia, degradante, di essere uguale agli altri nel consumare, nell’essere felice, nell’essere libero: perché questo è l’ordine che egli inconsciamente ha ricevuto, e a cui deve obbedire, a patto di sentirsi “diverso”. Mai la diversità è stata una colpa così spaventosa come in questo periodo di tolleranza. L’uguaglianza non è stata infatti conquistata, ma è una falsa uguaglianza ricevuta in regalo. (Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, 1974)

gic 2 logo ter cor