Gianluca Garrapa

Bologna in Lettere 2018 – Dislivelli – Fare il punto / Battere il tempo

parri def18magvalesio18magvalesio2

18 mag versodove 1

18 mag versodove3

18 mag versodove2

18 mag balena1

18 mag balena2

18 mag pi 118 mag pi 218 mag pi 318 mag pi 418 mag pi 5

18 mag sot 1

18magsot2B18magsot3B18magsot4B

 

logo 2018 dis

 

B.I.L. 2014 – GLI AUTORI: GIANLUCA GARRAPA

maxresdefault

3. crismi e tele angolari, sì. linee e triangoli babelici, sì. babilonie di generi diversi e caos, sì. purezza di spirito senza il pandemonio, sì. cerchi e perfezione, no. cenacoli di diffrazioni acustiche, sì. foglie poche e curve obnubilanti da un vento finto_proletario senza armi, forse. sottofondo adiabatico non_reciproco, sì. gatti e gufi intrecciati di canti e santi, sì. proiezioni ancastiche precisione d’immagine apparenze sguaiate, no. falsi compromessi giochetti di strada cormorani mormoranti e stagni di lapislazzuli decisamente azzurri, sì. menefreghismo indifferenza fascismo omologazione maschilismo santa liturgia omofobia pedofilia e stato di polizia, no. godimento desiderio gioia_e_rievoluzione, forse.

Continua a leggere qui

http://viadellebelledonne.wordpress.com/2011/01/30/gianluca-garrapa-2/

maxresdefault (1)

Ramon? Ramon come? dice il primo poliziotto.

Ramon senza cognome, rispondo.

Ramon senza cognome, lo sai che non sta bene mangiare il corpo di un essere umano? Dice il poliziotto che già m’ha preso in simpatia.

Io rispondo che, sono risentito dal fatto di trovarmi lì senza una ragione, che si tratta di sicuro di un errore madornale come tanti nella giustizia italiana.

Sia come sia, di punto in bianco mi ritrovo in questa strana cella di un carcere psichiatrico dove, avete presente Hannibal Lecter? Ecco, così: sto qui, è semibuio, e mi costringono a raccontare la mia storia a un amanuense che sta seduto, lì

Certo, un amanuense, vestito trecentesco coi gadget del trecento, tutto del trecento, o forse è vestito diverso o forse non c’è affatto, ma questi, infondo, sono particolari.

Insomma, io parlo, lui scrive e loro studiano. Mi studiano ma non ci capiranno niente.

Continua a leggere qui

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/22/manoscritti-nel-cassetto42-mylar-g-garrapa/852423/