Bologna in Lettere 2016 – Venerdì 20 Maggio

VENERDI’ 20 MAGGIO ore 19.30

COSTARENA 

VIA AZZO GARDINO 48

 

 Cura e conduzione Alessandro Brusa

MADE IN BO Prima parte

Centrale di transito   

Ceci n’est pas une anthologie

(Perrone editore)

 

cop ceci

Sono stati invitati

Alberto Bertoni, Alessandro Brusa, Maria Luisa Vezzali

Martina Campi, Rodolfo Cernilogar, Serena Di Biase

Francesca Del Moro, Valerio Grutt, Eva Laudace

Loredana Magazzeni, Lorenzo Mari, Ivonne Mussoni

Gabriele Xella, Paolo Valesio, Giuseppe Nibali

Valentina Pinza, Francesca Serragnoli, Roberta Sireno

Giancarlo Sissa, Sarah Tardino, Veronica Tinnirello

logo x triangolo

MADE IN BO Seconda parte

Fuori Formato

Reading con

Vincenzo Bagnoli, Vittoriano Masciullo

Daniele Barbieri, Sergio Rotino 

 

grutt

Valerio Grutt è nato a Napoli nel 1983. Ha pubblicato Una città chiamata le sei di mattina (Edizioni della Meridiana, 2009), Qualcuno dica buonanotte (Alla chiara fonte editore, 2013), Andiamo (Edizioni Pulcinoelefante, 2013), Però qualcosa chiama – Poema del Cristo velato (Edizioni Alos, 2014), e Dove non arriva la scienza (Le parole necessarie, 2015). Alcune sue poesie sono state pubblicate nell’antologia Poeti italiani underground (Ed. Il saggiatore, 2006) e nell’ebook I 4 elementi (Subway Edizioni, 2014). È stato direttore editoriale della rivista Popcorner, direttore artistico del festival Lyrics – Autori di Canzoni e cofondatore del Centro Internazionale della Canzone d’Autore. Dirige il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna e la Piccola collana di poesia Heket. Sito personale: www.valeriogrutt.org

 nibali

Giuseppe Nibali è nato a Catania nel 1991. È laureato in Lettere Moderne. Ha collaborato con giornali e riviste fra cui “La Sicilia” e “Clandestinozoom”. Collabora dal 2010 con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna. Nel giugno 2013 pubblica la sua opera prima Come dio su tre croci (Affinità elettive – primo premio al concorso nazionale di poesia “Serrapetrona – le stanze del tempo”, e al Premio nazionale Elena Violani Landi). Suoi inediti compaiono nell’ Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea edito da Raffaelli Editore, e in diverse antologie poetiche e blog. Nel 2015, per Origini Edizioni ha pubblicato il suo secondo libro: La voce di Cassandra – Studi sul corpo di una vergine.

www.giuseppenibali.it

barbieri

Oltre a scrivere poesie, Daniele Barbieri, di formazione semiologo, insegna presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, l’ISIA di Urbino e l’Università di S.Marino. Ha pubblicato diversi volumi di carattere critico, in alcuni dei quali si parla anche di poesia: Nel corso del testo. Una teoria della tensione e del ritmo (Bompiani, 2004), Il linguaggio della poesia (Bompiani, 2011). Ha partecipato come poeta a RicercaBO 2015. Sue illuminate opinioni, anche sulla poesia, si possono leggere sul suo blog all’indirizzo www.guardareeleggere.net. Ulteriori informazioni su di lui a www.danielebarbieri.it. Sue poesie, oltre che nel volume La nostra vita, e altro (Campanotto 2004), e nel volume collettivo Emozioni in marcia (Fara Editore 2015 – contiene un’intera silloge di 80 componimenti, intitolata Canzonette) si possono leggere in anteprima sull’altro suo blog, all’indirizzo ancoraunaltrome.wordpress.com.

 masciullo

Vittoriano Masciullo è nato a Roma nel 1968, vive a Bologna. Sue poesie sono state pubblicate su Private, L’Alfabeto di Atlantide e Versodove. E’ presente in “Poesie del Navile” (ed. Moby Dick, 1997) e nella plaquette “E’ così l’addio di ogni giorno” (ed. Corraini, 2015). E’ tra i vincitori segnalati alla “Biennale Giovani Artisti – Iceberg” di Bologna, nel 1996. Ha vinto il premio “Poesia del Navile – Città di Bologna”, nel 1997. Ha partecipato a “RicercaBo” nel 2014. Collabora alla redazione della rivista Versodove.

alberto bertoni

Alberto Bertoni (Modena 1955) è autore – in poesia – dei libri Lettere stagionali (1996, nota di Giovanni Giudici); Tatì (1999, omaggio in versi di Gianni D’Elia); Il catalogo è questo. Poesie 1978-2000; Le cose dopo (2003); Ho visto perdere Varenne (2006); Ricordi di Alzheimer (2008, e 2012); Il letto vuoto (2012) e Traversate (2014). Suoi testi sono stati tradotti in inglese, francese, russo e ceco, mentre in spagnolo ha pubblicato l’antologia El guardián del lugar (2012). Professore di Letteratura italiana contemporanea e di Prosa e generi narrativi del Novecento nell’Università di Bologna, dirige per Book Editore le collane di poesia “Fuoricasa” e “Quaderni di Fuoricasa”, è consulente scientifico del “PoesiaFestival” delle Terre dei Castelli attorno a Modena e membro di alcune giurie di premi letterari. Dal 2008 al 2010 – insieme con Biancamaria Frabotta – ha curato il Diario critico dell’Almanacco dello Specchio Mondadori. Sul piano saggistico è autore e curatore di diversi articoli e libri, tra cui i Taccuini 1915-1921 di F.T. Marinetti (1987), Dai simbolisti al Novecento. Le origini del verso libero italiano (1995, Premio Russo e Premio Croce 1996), La poesia come si legge e come si scrive (2006), il “Meridiano” dei Romanzi di Alberto Bevilacqua, La poesia contemporanea (2012). E’ inoltre autore – con Gian Mario Anselmi – del saggio dedicato alla letteratura dell’Emilia e della Romagna nella Letteratura italiana Einaudi curata da Alberto Asor Rosa (1989).

 1e rotino

Sergio Rotino, scrittore, critico letterario, editor, conduttore radiofonico per Radio città del capo Bologna (Popolare Network), giornalista senza tesserino per scelta (Liberazione, Corriere edizione Bari, Il domani di Bologna, L’informazione, Stilos ecc.) organizzatore culturale e docente in corsi di scrittura per poesia e narrativa, ha curato varie antologie di narratori esordienti e non (RZZZZZ! Scritture Sotterranee-Transeuropa, 1993; 6000 raudi e 2mila paranoie-Transeuropa, 1996; Resistenza60-Fernandel, 2005; Quello che c’è tra di noi-Manni, 2008).
Suoi racconti e poesie appaiono in diversi volumi antologici e su alcune testate italiane e straniere, sia in formato cartaceo che elettronico. Ha pubblicato un romanzo (Un modo per uscirne-Abramo, 2009) e due raccolte di poesie (Loro-Dot.com press, 2011; Altra cosa da inventare-Isola, 2014).

 1d laudace

Eva Laudace (Vasto, Chieti, 1983) è ingegnere e fotografa. Collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna. Vincitrice di “InediTO-Premio Colline di Torino”, nel 2013 pubblica la sua opera prima Tutto ciò che amo ha dentro il mare (La Vita Felice, 2013), finalista “Premio Rimini” nel 2014 e “Premio Elena Violani Landi” nel 2014 e nel 2015. Presente in diverse antologie, suoi inediti sono stati recentemente raccolti in Post ‘900. Lirici e narrativi (Borgomanero, Ladolfi, 2015).

 serena dibiase

 

Serena Dibiase è nata a Bologna nel 1986, dove si laurea al Dams, ed approfondisce la sua ricerca artistica e linguistica, sperimentandosi nel campo della danza e del teatro (Festival Volterra Teatro in Mercuzio non vuole morire, Compagnia della Fortezza; Uso umano di esseri umani – un esercizio di lingua generalissima, Romeo Castellucci/Socìetas Raffaello Sanzio; Festival PerAspera Drammaturgie possibili con il proprio progetto poetico-musicale Con/fine).  Nel 2009 pubblica con Manni Editori la sua prima raccolta di poesia, Nelle Vene. Partecipa a svariati reading ed incontri e nel 2015 pubblica la sua seconda raccolta poetica, Amnesia dei vivi, Italic Pequod.

ivonne mussoni

Ivonne Mussoni è nata a Rimini nel 1994, studia Lettere Moderne all’Università di Bologna. Nel 2013 ha pubblicato con Heket la plaquette A un quarto d’ora d’universo.  Nel  2015 è uscita nell’antologia Post’900 lirici e narrativi edita per Giuliano Ladolfi Editore. È assistente alla direzione artistica del festival Parco Poesia e collabora con il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna.

sarah tardino

Sarah Tardino nata a Licata (AG) nel 1980 vive a Bologna. Ha studiato filosofia. Ha pubblicato versi e prose su riviste ed è presente in diverse antologie. Si occupa di critica letteraria e storia del pensiero. Ha collaborato per dieci anni con la rivista “in forma di parole” ed è stata redattrice della rivista Clandestino. È autrice di testi teatrali, alcuni dei quali rappresentati alla rassegna di teatro contemporaneo “Trame d’autore” di Milano. Fra le raccolte di poesia ricordiamo Il Custode (Manni 2008), ed il poemetto I giorni della merla (Lietocolle 2011), L’ombrello rosso (Raffaelli 2015), oltre a diverse plaquettes e libri d’artista. Ha partecipato a svariate manifestazioni poetiche italiane ed internazionali.

valentina pinza

Valentina Pinza è nata a Ravenna nel 1982. Laureata all’Accademia di Belle Arti di Bologna nel 2008, è attualmente libera professionista nel campo delle arti visive. Dalla seconda metà degli anni duemila partecipa occasionalmente a concorsi, letture pubbliche e azioni poetiche. Una sua silloge è stata pubblicata sul numero 77 di Atelier e il suo primo libro, Il pane del giorno prima, è uscito nel 2015 per Ladolfi Editore, con la prefazione di Stefano Suozzi. Vive e lavora a Bologna.

veronica tinnirello

 

Veronica Tinnirello, nata a Firenze nel 1980. Laureata in Storia del teatro e diplomata alla scuola Galante Garrone di Bologna. Si specializza all’estero presso l’Università Nuovelle Sorbonne, Paris III. Ha pubblicato una raccolta di interviste Naira Gonzalez, La voce che disegna l’orizzonte, Editoria&Spettacolo 2006, la raccolta di racconti Gli angeli vanno a dormire presto, Coniglio Editore. È coautrice della sceneggiatura di Ouroboros in Dylan Dog Color Fest n°11, Bonelli editore 2013. Polaroid stile impero è la sua prima raccolta di poesie. Ha curato e condotto il progetto radiofonico  Il Rubino, sulla poesia contemporanea, dal 2013 al 2015 per Radio Città del Capo di Bologna.

1c xella

Gabriele Xella nasce a Imola (BO) nell’inverno del ’74, attualmente vive a Bologna. Pensa poesia ancor prima di scrivere, poesia. Sue autoproduzioni sono, stampate in tipografie locali, Angelo che esiste, posti che non so, entro dentro me (2011), il poema unico Come cerchi nell’acqua nella notte che ci attende e ci dimentica (2011), e le grondaie con gli angeli sopra (2013) All’attivo ha un uscita ISBN “Neanche vedo più tutto l’amore” (L’Arcolaio 2012). Ha dato alle stampe un opus autoprodotto in 50 copie dal titolo la bocca piena di more, 2013. È del 2014 la plaquette scritta ha quattro mani col poeta conterraneo Carlo Falconi dal titolo Guerra incivile Bianca (Cooperativa Giovani rilegatori di Imola). Compie letture, credendo che la poesia si compia infine, nell’aria.

1b sissa

Giancarlo Sissa è nato a Mantova nel 1961. Vive a Bologna. Francesista e traduttore, suoi racconti e poesie sono comparsi su numerose riviste. Come poeta ha pubblicato nel 1997 Laureola (Book Editore), nel 1998 Prima della tac e altre poesie (Marcos y Marcos, prefazione di Giovanni Giudici), nel 2002 Il mestiere dell’educatore (Book Editore),  nel 2004 Manuale d’insonnia (Nino Aragno Editore), nel 2008 Il bambino perfetto (Manni Editori, postfazione di Antonio Prete), nel 2015 “Autoritratto (poesie 1990-2015)” (italic/pequod Editore) e “Persona minore” (Qudulibri Editore). E’ presente in diverse antologie fra cui L’occhio e il cuore, poeti degli anni ’90 (Sometti, 2000), Il pensiero dominante, poesia italiana 1970-2000 (Garzanti, 2010), Le parole esposte, fotostoria della poesia italiana del Novecento (Crocetti, 2002), Poesia della traduzione (Sometti, 2003), Parole di passo, trentatre poeti per il terzo millennio (Nino Aragno, 2004), Trent’anni di Novecento (Book Editore, 2005), La linea del Sillaro (Campanotto, 2006), Vicino alle nubi sulla montagna crollata (Campanotto, 2008), Calpestare l’oblio (Argo, 2010), 100Thousand Poets for change primo movimento (qudu libri, 2013), I volti delle parole (Fondazione TitoBalestra onlus, fotografie di Daniele Ferroni, prefazione di Sebastiano Vassalli, 2014), Sulla scia dei piovaschi – poeti italiani tra due millenni (Archinto, 2016). Le sue poesie sono tradotte in diverse lingue europee. Per Gallo et Calzati Editori ha curato nel 2004 Poesia a Bologna, raccolta di scritti autobiografici di diversi autori. Ha collaborato come diarista e attore con il Teatro delle Ariette. E’ presidente dell’Associazione Laboratorio Teatro (in)stabile. Membro del Comitato scientifico del Centro studi Sara Valesio. Fa parte del Direttivo del Festival teatrale della Fiaba di Modena.

1a valesio

Paolo Valesio. Nato a Bologna (1939) e formato presso quella Università, ha poi trascorso alcuni decenni negli Stati Uniti insegnando lingua e letteratura italiane in varie Università. L’ ultima è stata Columbia University (New York) dalla quale è andato in pensione nel 2013, quando ha fondato a Bologna il Centro Studi Sara Valesio (CSSV) in memoria della figlia prematuramente scomparsa. Il 2015 segna il suo rimpatrio italiano. Ha fondato e dirige la rivista “Italian Poetry Review” (IPR); è presidente di giuria del Premio Internazionale di Poesia “Piero Alinari” a Firenze; collabora al quotidiano online “Il Sussidiario.net”; è rappresentato nell’ Atlante dei Poeti di Ossigeno Nascente e in varie raccolte antologiche, la più recente delle quali è l’Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea n°3 (2015) di Raffaelli Editore. È autore di numerosi saggi in rivista, una mezza dozzina di libri critici e curatele, due romanzi, due raccolte di racconti, due testi drammatici rappresentati; in particolare ha pubblicato 18 volumi di poesie, il più recente dei quali è Il servo rosso (Puntoacapo Editrice, 2016). Attualmente Valesio sta lavorando, oltre che a una nuova raccolta di poesie, alla continuazione del suo progetto pluriennale: una “Quadrilogia” di romanzi diarii, ovvero romanzi quotidiani, che comprende attualmente più di 20.000 fogli manoscritti, in massima parte inediti.

bagnoli

Vincenzo Bagnoli (Bologna, 1967), autore di saggi (Contemporanea, Esedra, 1997; Letterati e massa, Carocci, 2000; Lo spazio del testo, Pendragon, 2003), è stato tra i fondatori di «Versodove». Suoi versi sono apparsi su «Rendiconti», «Origini», «Tratti», «il Verri» e in antologie uscite per Transeuropa e LietoColle, nonché in molti blog, siti e webzines (Nazione indiana, Absolutepoetry, Poetarum Silva, Atlante dei poeti, Librobreve, L’Ulisse). Ha pubblicato le raccolte 33 giri stereo LP (Gallo & Calzati, 2004), FM Onde corte (Bohumil, 2007) e Deep Sky (d’if, 2008), e sul web, con foto di V. Reggi, Offscapes. Oltre i margini del paesaggio urbano (www.offscapes.it). È autore dei testi dell’album Bologna ’67-77 della band Stratten e ha collaborato ad alcuni documentari di Home Movies e Mammutfilm.

Loredana-Magazzeni

Loredana Magazzeni vive a Bologna e dal ’98 fa parte della redazione della rivista Le Voci della Luna e del Gruppo ’98 di Poesia presso la Libreria delle Donne di Bologna. Ha pubblicato quattro raccolte di poesia (La miracolosa ferita, Canto alle madri e altri canti, Fragilità del bene, Volevo essere Jeanne Hébuterne) e curato, assieme ad altri, quattro antologie di poesia femminile contemporanea di lingua inglese, di cui l’ultima, La tesa fune rossa dell’amore. Madri e figlie nella poesia femminile contemporanea di lingua inglese, è uscita nel 2015 per La Vita Felice con prefazioni di Silvia Vegetti Finzi e Anna Salvo. Si è dedicata a temi d’impegno sociale con Cuore di preda. Poesie contro la violenza sulle donne e, con Antonella Barina, Fil Rouge. Antologia di poesie sulle mestruazioni, entrambe uscite per CFR editore.

10427360_10205821546245192_4908366435073771362_n

Alessandro Brusa nasce a Imola (BO) nel 1972; nel 1976 si trasferisce a Bologna dove si laurea. Esordisce nel 2004 con il romanzo Il Cobra e la Farfalla (Pendragon – Premio Incizine) ed in poesia nel 2013 con La Raccolta del Sale (Giulio Perrone Editore – Premio Orlando). Suoi lavori compaiono in vari blog e riviste sia in Italia sia, in traduzione, all’estero (Francia, Spagna, Stati Uniti). Alcuni testi sono presenti in traduzione (francese e spagnolo) nel volume Photographies del fotografo Robert Lebarbier. È presente in varie antologie di poesia così come di narrativa. Collabora con vari blog come autore e come traduttore dall’inglese. Dalla sua fondazione è membro del comitato organizzatore del festival letterario “Bologna in Lettere”. www.alessandrobrusa.it

cc 12

Martina Campi, autrice e performer, ha pubblicato: La saggezza dei corpi (L’arcolaio, 2016), Cotone, (Buonesiepi Libri 2014), Estensioni del tempo (Le Voci della Luna Poesia, 2012 – Premio Giorgi), e la plaquette È così l’addio di ogni giorno (Associazione Parenti della strage Vittime di Ustica – Corraino Edizioni 2015), con il poeta Vittoriano Masciullo e opere grafiche di Concetto Pozzati. È presente in riconosciute  riviste online e cartacee e in antologie. Collabora con diverse realtà poetiche. Autrice di alcuni contributi critici. È stata membro di redazione della rivista Le Voci della Luna, fa parte del Comitato Bologna in Lettere dalla prima edizione. Partecipa a diversi festival e recital di poesia (e/o  musica, con il progetto Memorie dal SottoSuono). www.martinacampi.it

Francesca_Del_Moro_VinoalVino_11

Francesca Del Moro è nata a Livorno nel 1971 e vive a Bologna. È scrittrice, traduttrice, editor, performer e organizzatrice di eventi dedicati alla poesia. Ha pubblicato sei raccolte poetiche, un e-book antologico e una traduzione isometrica delle Fleurs du Mal di Baudelaire. È autrice della biografia musicale La rosa e la corda. Placebo 20 Years. Fa parte del collettivo Memorie dal SottoSuono con cui propone performance poetico-musicali. È membro del comitato organizzativo del festival Bologna in Lettere e cura la rubrica “Poemata. Versi Contemporanei” sulla rivista ILLUSTRATI (Logos edizioni).

www.francescadelmoro.wordpress.com

34r

Maria Luisa Vezzali (Bologna 1964), docente di Materie letterarie nella scuola superiore, è traduttrice di Adrienne Rich (Cartografie del silenzio, Crocetti 2000, e La guida nel labirinto, Crocetti 2011, premio per la traduzione dell’Università di Bologna) e Lorand Gaspar (Conoscenza della luce, Donzelli 2006). Per Raffaelli (2011) ha curato un’edizione dell’Anabasi di Saint-John Perse. In poesia ha pubblicato L’altra eternità (Edizioni del Laboratorio 1987), Eleusi marina (in “Terzo quaderno italiano” a cura di Franco Buffoni, Guerini e Associati 1992), dieci nell’uno (Eidos 2004, disegni e sculture di Mirta Carroli), lineamadre (Donzelli 2007, premio Anterem/Montano), Forme implicite (Allemandi 2011, con gioielli e disegni di Mirta Carroli). Suoi testi sono tradotti in inglese, spagnolo, francese, tedesco e svedese. È comparsa in numerose riviste e antologie, tra le quali Sotto il cielo di Lampedusa. Annegati da respingimento (Rayuela 2014) e Sotto il cielo di Lampedusa II. Nessun uomo è un’isola (Rayuela 2015). Ha partecipato a Pordenonelegge nell’ottobre del 2010 e al festival di Letteratura di Mantova nel settembre del 2011. Fa parte della redazione de “Le voci della luna” e del collettivo di traduttrici WIT (Women in Translation), attualmente concentrato su Audre Lorde (cfr. “La poesia non è un lusso”, Poesia giugno 2015).

serragnoli

Francesca Serragnoli è nata a Bologna nel 1972, dove si è laureata in Lettere Moderne. Ha lavorato presso il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna fino al 2007. Suoi testi di poesia sono apparsi nelle antologie “I cercatori d’oro” (Forlì, La Nuova Agape, 2000); “Nuovissima poesia italiana” (Mondadori, 2004); “Mosse per la guerra dei talenti” (Fara Editore, 2007);  “La stella polare” (Città Nuova, 2008); “Jardines secretos, Joven Poesìa Italiana (Sial, Madrid, 2008); “Qui regna amor” antologia poesia italiana in cd (Argentina);”Mana scrie sunetul” (Eiekon, Romania 2014); “Esplendor en las sombras – Tres voces italianas contemporáneas, (Editorial Hdj, Argentina, 2016) e su varie riviste.  Ha pubblicato la raccolta “Il fianco dove appoggiare un figlio (Bologna 2003, premio Camaiore Opera prima, nuova edizione Raffaelli Editore 2012) e Il rubino del martedì (Raffaelli Editore, 2010; Premio Alpi Apuane ex equo, Premio Mario Luzi). Collabora con il Centro Studi Sara Valesio. Attualmente è perfezionanda presso la Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna.

sireno d

Roberta Sireno (Modena, 1987) ha pubblicato il primo libro nel 2011, Fabbriche di vetro (Raffaelli Editore). Vincitrice di alcuni premi, nel 2009 è prima classificata al concorso di poesia Certamen del Centro di Poesia Contemporanea di Bologna, e nel 2013 è prima classificata al concorso di poesia Dentro che fuori piove promosso dall’Università di Bologna. Svolge attività performative e poetiche in diverse realtà artistiche e teatrali (Teatro Valdoca di Cesena, Magnifico Teatrino Errante di Bologna).

 

20 maggio  Costarena defin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...