Giorno: 29 aprile 2015

Bologna in Lettere 2015 – Ritratti

 

Bologna in Lettere 2015
Sabato 30 Maggio
Bravo Caffè – Via Mascarella 1

bravo logo
ore 17.30
“Ritratti”
Cura e conduzione Rita Galbucci

1377483_10202029474849175_940457723_n
con
Marilena Renda Gianluca Chierici Maria Grazia Insinga
Davide Racca Silvia Rosa Rita Pacilio

10408885_10203661728492679_2584854152396626942_n

Rita Pacilio è poeta, scrittrice, collaboratore editoriale. Si occupa di poesia, di critica letteraria e di vocal jazz. È vincitrice del Primo Premio Poesia Edita della XXVII edizione del Premio Laurentum con l’opera “Gli imperfetti sono gente bizzarra” – La Vita Felice, 2012. Sua recente pubblicazione è: “Quel grido raggrumato” – La Vita Felice, 2014, Primo Premio Poesia Edita ‘Tra Secchia e Panaro 2014’ con cui conclude il discorso sulla denuncia dei corpi emarginati e violati, iniziato con il libro in prosa poetica ‘Non camminare scalzo’ (Edilet Edilazio Letteraria 2011) risultato vincitore del Primo Premio Sezione Narrativa Edita Premio ‘Terzo Millennio 2012’.

1476197_10203823105927014_192791744963310332_n

Maria Grazia Insinga nasce in Sicilia il 20 aprile 1970. Dopo la laurea in Lettere moderne con lode, gli studi in Conservatorio e in Accademia, l’attività concertistica e di perfezionamento e l’insegnamento nelle scuole secondarie, si trasferisce nel 2009 in Inghilterra per poi ritornare in Sicilia un anno fa. Si occupa di ricerca musicologica – ha censito, trascritto e analizzato i manoscritti musicali inediti del poeta Lucio Piccolo – suona in un duo pianistico ed è docente di Pianoforte presso l’Istituto “Vittoria Colonna” a Vittoria in provincia di Ragusa. Nel 2014, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura di Capo d’Orlando, idea il Premio di poesia per i giovani “Basilio Reale” – La Balena di ghiaccio – presieduto da Emilio Isgrò. Alcuni testi sono apparsi nell’antologia Il rumore delle parole. 28 poeti del Sud edita da Edilet. Nel 2015 vince il concorso Opera prima iniziativa editoriale a cura di Poesia2punto0 con la silloge Persica.

11068089_10203661731572756_4515601104887894728_n

Gianluca Chierici, è nato nel 1977 a Milano. È autore dei film brevi L’ultimo compleanno di Venere, pubblicato in Sguardi inquieti (Barbieri, 2003); Hystera, premio della giuria al Mystfest di Cattolica (Manyhands, 2008); OR, biennale dei giovani artisti del mediterraneo BJEM (La piccola fortuna, 2009); PickUp (ManyHands, 2010); Fiaba di Daina (Manyhands, Marcos y Marcos, 2012); Holy Mary (Short Film Club, 2014). Ha scritto e diretto la trilogia di lungometraggi indipendenti La crudeltà dell’angelo (Ex-Nihilo, 2004); Dannati (Ex-Nihilo, 2005); La chiave dei grandi misteri (La piccola fortuna, 2006). Ha pubblicato: Il libro del mattino (Acquaviva, 2005); L’eterno ritorno (Sentieri Meridiani, 2007 – Premio Castelpagano); La madre delle bambole (Tracce, 2008 – Premio Fondazione Caripe); Il nome del confine (Joker, 2009); La stirpe del mare (L’arcolaio, 2010); Hanno amore (Perdisa Pop, 2010)

11146201_10203834517612299_5650281216335830290_n

Marilena Renda è nata a Erice, ha vissuto a Roma e Palermo e attualmente vive a Milano, dove insegna e scrive. Nel 2010 ha pubblicato per Gaffi la monografia: Bassani, Giorgio. Un ebreo italiano, nel 2012 per dot.com press il poema Ruggine. Nel febbraio del 2015 è uscito per l’Orma edizioni Arrenditi Dorothy!.

11116024_10206839051884508_874892671_n

Silvia (Giovanna) Rosa nasce nel 1976 a Torino. Laureata in Scienze dell’Educazione, ha frequentato il Corso di Storytelling della Scuola Holden di Torino. Suoi testi poetici e in prosa sono apparsi in numerosi siti, blog letterari, riviste e in volumi antologici editi tra gli altri da Perrone Editore, LietoColle, Edizioni Smasher, Lite Editions, Osteria del Tempo Ritrovato, FaraEditore. È autrice del saggio “Italiane d’Argentina. Storia e memorie di un secolo d’emigrazione al femminile” (1860-1960) (Ananke Edizioni, 2013 – II ediz. 2014); delle raccolte poetiche “Genealogia imperfetta” (La Vita Felice, 2104), “SoloMinuscolaScrittura” (La Vita Felice, 2012) e “Di sole voci” (LietoColle, 2010 – II ediz. 2012); del libro di racconti “Del suo essere un corpo” (Montedit Edizioni, 2010). Ha all’attivo diverse collaborazioni nel campo delle arti visive e la pubblicazione di e-book fotopoetici, tra cui “Iridescenze” (Migranze E-edition, 2012 con immagini di Romina Dughero) e “Corrispondenza (d)al limite [Fenomenologia di un inizio all’inverso]” (Clepsydra Edizioni, 2011 con immagini di Giusy Calia).

1525564_269666716519926_56603475_n

Davide Racca è nato a Napoli nel 1979. Dopo un soggiorno a Berlino, risiede attualmente a Venezia. Si è laureato in filosofia e formato in affresco e pitture murali. Ha realizzato mostre in Italia e all’estero. La sua prima raccolta di versi dal titolo “Oltremarescuro” è pubblicata in Poesia Italiana, collana di inediti E-book, Edizioni Biagio Cepollaro, 2007. Nel 2008 ha partecipato alla XIII Biennale of young artists from Europe and the Mediterranean. Nello stesso anno viene inserito nell’antologia “Leggere variazioni di rotta, 20 poeti dal blog LiberInVersi”, edizioni Le Voci della Luna (Sasso Marconi); e realizza il libro d’artista, sul lavoro poetico di Amelia Rosselli, “Inorganica vicenda” (Prefazione di Giuliano Mesa), La Camera Verde(Roma). Nel maggio 2013 è uscito il libro di poesie “Vacanza d’inverno”, Di Felice Edizioni, Martinsicuro (TE). Ha curato e tradotto l’antologia “Johannes Bobrowski. Poesie”, Di Felice Edizioni, Martinsicuro (TE) 2013. È presente in “Parabol(ich)e dell’ultimo giorno. Per Emilio Villa”, edizioni Dot.com Press – Le Voci della Luna, Milano-Sasso Marconi 2013, curato da Enzo Campi, con un suo disegno. Collabora con l’inserto “Alias” della domenica, Il Manifesto. Partecipa a varie riviste letterarie con poesie, traduzioni dal tedesco, recensioni, disegni.

 

gic 2 logo ter cor

Bologna in Lettere 2015 – Vetrine del nuovo millennio – Macchine e Macchinazioni

 

Bologna in Lettere 2015

 

 

“Vetrine del nuovo millennio – Macchine e macchinazioni”

 

 

Oltre ai tre focus principali dedicati a Pier paolo Pasolini, Elio Pagliarani, Patrizia Vicinelli e alla consueta maratona non-stop di eventi che caratterizzerà l’ultima giornata del Festival coinvolgendo circa 200 autori provenienti da tutto l’arco del territorio nazionale, avrà luogo una sorta di rassegna denominata “Vetrine del nuovo millennio – Macchine e macchinazioni”, che è rivolta a presentare alcuni degli artisti più rappresentativi del panorama contemporaneo che, in linea con i “Sistemi d’Attrazione” che danno il tema al Festival, operano sugli spazi di confine dei vari generi. La rassegna, curata e condotta da Enzo Campi (il direttore artistico del Festival), si articolerà su tre giornate.

 machina2

Venerdì 15 Maggio (Cassero Lgbt Center, Via Don Minzoni 18, a partire dalle 19.00), la video-arte delle “Defigurazioni” di Pinina Podestà, il recital “Resistenzialismo” di Nicola Frangione, la performance “Per la tua carne” di Mona Lisa Tina, e il gemellaggio con il Festival “Oblom Poesia” di Torino, con azioni di Ivo De PalmaIvan FassioFabrizio Bonci, Salvatore Sblando.

 korp x

Sabato 16 Maggio (Cassero Lgbt Center, Via Don Minzoni 18, a partire dalle 19.00, la performance-installativa “Lettere alla reinserzione del disoccupato” di Andrea Inglese & Stefano Delle Monache, la performance “Patientia” di Tiziana Cera Rosco, la video-arte delle “Prospettive circolari del terzo occhio” di Maria Korporal, le percezioni auditive per voci, suoni e disturbi valvolari di frequenza de “I decifratori dell’Èra guasta” ad opera di Nina Maroccolo & Emiliano Pietrini.

 10513255_10203903424454927_9165568506112473866_n

Sabato 30 Maggio (Cassero Lgbt Center, Via Don Minzoni 18, a partire dalle 18.30), cortometraggi, azioni, recital, performance, sonorizzazioni, proclami e varie artisticità con Marion D’Amburgo (“minuzie & minute, su testi di Giovanni Campi), Francesco Forlani (“Manifesto del comunista dandy”), Julian Zhara (“Dune”), Solidea Ruggiero (“Io che non conosco la vergogna”), Rita Bonomo (“Padre nostro chi è nostro padre”), Barbara Pinchi (“Da costa a costa”),  Marthia CarrozzoVanni Schiavoni (“fAzioni di Versi”), Chiara Cossu (“Frammenti di una nascita”), Silvia Benedetti (“Precipizi-tazioni”).

 

gic 2 logo ter cor

Bologna in Lettere 2015 – Julian Zhara – Patrizia Mattioli – Alberto Mori

julian-zhara1

 

 

Julian Zhara nasce a Durazzo il 21 Maggio 1986. Trasferitosi in Italia all’età di 13 anni, ha all’attivo una pubblicazione, In apnea (Granviale, 2009) con la prefazione di Aldo Vianello. Presente tra i finalisti del Premio Dubito in L’epoca che scrivo, la rivolta che mordo (Agenzia X, 2013) . Oltre che poeta, performer è organizzatore culturale di eventi poetici e letterari a Venezia. Dal marzo 2012 ha iniziato una collaborazione col compositore Ilich Molin e il video-artist Enrico Sambenini per il progetto “Dune”. Scrive per la rivista Blare Out con cui cura anche Andata e Ritorno. Festival di poesia orale e musica digitale.

 

 

mattioli

 

Patrizia Mattioli nata a Roma il 16/03/1967. Musista, compositrice, docente di laboratori di elettroacustica, laboratori di teatro musica, percezione e ritmo, dj. Diplomata in clarinetto al Conservatorio A. Boito di Parma, ha perfezionato gli studi con il master di composizione a Londra. Ha vinto il concorso internazionale di elettro acustica all’ I.R.C.A.M. di Parigi. Si è spesso confrontata con diverse discipline artistiche, teatro, danza, arti visive, insegnamento, workshop. Inizia il suo percorso compositivo e di intensa collaborazione con Lenz Rifrazioni Lenz Teatro, formazione di ricerca tra le più rigorose del panorama europeo, con Lucia Perego compagnia Eracquario e con diversi gruppi sperimentali di avanguardia, post rock, post industrial. Le sue partiture sono state presentate in vari prestigiosi festival, tra cui Biennale di Venezia Danza / Musica, Natura Dèi Teatri, Sguardi Sonori festival of Media, Timed Based Art, Festival di Santarcangelo, Cantieri Danza, Zona Franca, Pontedera Teatri, As a Little Phenix 2. Continua la sua intensa attività concertistica e di collaborazioni in Italia e all’estero.

 

Canale Audio

 

UpkPfA5XLjhKXlNlHwd5qmiQTK3ZnleRlW4ZtX4PUF4=--

 

 

Alberto Mori (Crema 1962),poeta performer e artista,sperimenta una personale attività di ricerca nella poesia, utilizzando in interazione altre forme d’arte e di comunicazione: dalla poesia sonora  e visiva, alla performance, dall’installazione al video ed alla fotografia. Dal 1986  ha all’attivo numerose pubblicazioni. Nel 2001 Iperpoesie (Save AS Editorial) e nel 2006 Utópos (Peccata Minuta) sono stati tradotti in Spagna. La produzione video e performativa è consultabile  nell’archivio multimediale dell’ Associazione Careof / Organization for Contemporary Art di Milano.Dal 2003 partecipa a Festival di Poesia e Performing Arts fra i quali: V Settimana della Lingua Italiana nel Mondo (Lisbona, 2005) Biennale di Verona (2005 e 2007), IX Art Action International Performance Art Festival (Monza, 2011), Bologna in Lettere (2013 e 2014).  Website: http://www.albertomoripoeta.com

 

 

 

 

 

gic 2 logo ter cor