Bologna in Lettere 2015 – Andrea Inglese – Stefano Delle Monache

 

 

Lettere alla Reinserzione del Disoccupato, un progetto performativo e installativo

Andrea Inglese & Stefano Delle Monache

Il libro

Il progetto nasce da un libro di poesia di Andrea Inglese, Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato (Italic Pequod, Ancona, 2013). Esso si presenta come un epistolario in versi monco, di cui conosciamo sole le 17 lettere scritte dal mittente. Quest’ultimo, un uomo senza lavoro, si rivolge ad un’entità dai contorni vaghi, la “Reinserzione Culturale”, che avrebbe come compito derisorio l’integrazione del disoccupato nella vita culturale. Questa “Reinserzione” assume di volta in volta l’aspetto anonimo e astratto dell’istituzione o quello concreto e individuale del funzionario, a cui il mittente attribuisce tratti femminili.

 

La performance

Da questo testo è nato un progetto di collaborazione con due musicisti: Stefano Delle Monache e Giovanni Cospito. Stefano della Monache (compositore e sound-designer) ha curato e prodotto There’s a choir in the straw stack!, un CD di musica elettronica che è stato inserito e venduto assieme al libro. Si tratta di 9 tracce, 9 sfondi sonori che svolgono una duplice funzione: da un lato accompagnano la lettura silenziosa del lettore, dall’altro costituiscono degli spunti da sviluppare e variare in occasione delle letture pubbliche. A partire da questo materiale sonoro e da una scelta delle 17 lettere è nata una lettura performativa, che è già stata realizzata in Italia (Ancona, Milano, Matera, Venezia) e che è stato selezionata per il Festival internazionale di Berlino SOUNDOUT! New Ways of presenting Literature, edizione 2014.

 

L’installazione sonora

A Berlino, il progetto ha preso una nuova direzione. L’autore ha cominciato a creare un archivio di voci che leggono alcuni dei testi presenti nel libro. Si tratta di un numero ristretto di testi (4 o 5), ma essi includono anche versioni in lingue diverse (in tedesco, francese, inglese, portoghese). I lettori sono persone di tutte le età, di paesi diversi, e spesso non hanno alcuna specifica esperienza di lettura di testi poetici. Da questo archivio di letture registrate, un programma elaborato da Stefano Delle Monache preleva delle sequenze aleatorie, in cui le voci più diverse si sovrappongono secondo gradi variabili di densità.  Durante l’ascolto di queste voci, le persone del pubblico saranno invitate a partecipare alla lettura dei testi, creando così un dialogo tra le voci registrate e quelle dal vivo.

 

3 Exit 2014_10_17_11_r

Andrea Inglese (1967) vive a Parigi. È poeta, saggista, traduttore. Ha pubblicato uno studio di teoria del romanzo L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo (2003) e la raccolta di saggi La confusione è ancella della menzogna per l’editore digitale Quintadicopertina (2012). Tra i suoi libri di poesia: Inventari (Zona 2001), Colonne d’aveugles (Le Clou Dans Le Fer, 2007), La distrazione (Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009), il prosimetro Commiato da Andromeda (Valigie Rosse, 2011; premio Ciampi), Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, nell’edizione italiana (Italic Pequod, 2013) e francese (NOUS, 2013), e La grande anitra (Oèdipus, 2013). Tra i testi in prosa: Prati / Pelouses (La Camera Verde, 2007) in parte confluiti nel volume collettivo Prosa in prosa (Le Lettere, 2009), Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001 (La Camera Verde, 2011) Ha curato l’antologia del poeta francese Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008 (Metauro, 2009). È uno dei membri fondatori del blog letterario Nazioneindiana. È nel comitato di redazione di “alfabeta2”. È il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per una itinerante & collettiva installazione poetica.

 

stefano_delle_monache

 

Stefano Delle Monache (Altamura, 1976) vive a Venezia. E’ ricercatore presso il Dipartimento di Culture del Progetto dell’Università IUAV di Venezia, dove si occupa di design dell’interazione mediata dal suono.
Come compositore e sound designer, ha realizzato produzioni di musica elettroacustica e computer music per festival, spettacoli teatrali, musei, installazioni e performance interattive.
Ha realizzato, tra gli altri, consulenze e lavori per Maserati, Nissan, Emilio Pucci, Festival della Scienza, Cité Nationale de l’histoire de l’Immigration di Parigi, Gamec – Museo d’Arte Contemporanea di Bergamo.
Ha svolto attività didattica e seminariale presso la NABA – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, Conservatorio G. Verdi di Como, SAE Institute di Milano, Aalto University of Technology di Espoo, Finlandia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...